martedì 23 ottobre 2012

Per strada

I ciclisti (non professionisti) rompicazzo li riconosci subito.
Ieri, mentre ero a fare un giro con la mia belva, mi è capitato di vedere, al di là della strada, un signore vestito normale (non in tuta da ciclista, per intenderci) però col caschetto, ho capito subito che è il classico straccia marroni e infatti.. pretendeva di attraversare sulle strisce pedonali a cavallo della sua bici mandando a fanculo tutte le macchine che non si erano fermate per farlo passare e, non contento, mandava a fanculo anche quelle che si erano fermate un po' di colpo per evitare di prenderlo in pieno.
Poi passa in un corridoio ciclabile dove c'erano due persone che stavano legando la propria bici ai lati e questo si è messo a suonare il campanello come un ossesso, come a dire "ehi attenti, passo io!"
Io mi chiedo perché, gente così, non se ne rimane a casa..

Oggi poi.. con la nebbia, la gente sembrava inghiandita dura, a parte che era piuttosto alta quindi ad altezza macchina si vedeva piuttosto bene, ad ogni modo, tutti a passo d'uomo con tanto di frenate d'emergenza; penso che molti la patente l'abbiano presa coi punti del mulino bianco..

4 pensierini:

Anonimo ha detto...

HAI APPENA ESPOSTO UNA MAREA DI PENSIERI CHE HO SEMPRE ANCHE IO
nebbia a parta che qui non c'è mai per fortuna (ecco nella nebbia non so guidare)

Spippoli

Sara Scavolini ha detto...

Anche da noi la nebbia non c'è mai e sinceramente non ci saprei guidare nemmeno io.
Oggi c'era ma era foschia.. o cmq nebbia alta, diciamo che ad altezza camion si vedeva chiaramente poi sopra vedevi tutto grigio..

Anonimo ha detto...

incrocio tantissimo tuttissimo per te!!!!

spipp

Sara Scavolini ha detto...

GraSsSie...

Posta un commento