mercoledì 30 gennaio 2013

Inciampi #2

Visto la panza che cresce e visto che in futuro dovrò caricare due seggiolini da auto e due nanerottole, vendo la mia macchina super tamarra.
Per chi fosse interessato ecco i due link pubblicati su internet.

Punto evo sport su Autoscout
Punto Evo Sport su ebay

lunedì 28 gennaio 2013

Primi inciampi

Ebbene, mi vergogno a dirlo ma ormai sono una mongolfiera e non per scherzare.
Peso 63 kg e, quando sono tornata dalla Spagna, ne pesavo 53, poi scesi a 52 nella prima settimana di lavoro.
Ho preso la bellezza di 10/11 kg e sono a mala pena alla 21 settimana (domani), il ginecologo se ne preoccupa poco, anzi non se ne preoccupa per niente, mi ha solo detto che prendere 15 kg è normale, ma ovviamente intende in tutta la gravidanza e non tutti nella prima metà.
Il rovescio della medaglia dovrebbe essere il seno abbondante.. ecco, no! In pratica ora ho le tette come quando portavo il super push up, in pratica si e no è cresciuto di una taglia a mala pena.
Faccio fatica a mettermi  i calzini e le scarpe, faccio fatica a fare le scale e dopo mangiato mi sento esplodere, per non parlare della vescica che mi tocca svuotare almeno una volta all'ora quando va bene.
Problemi più pratici sono la macchina.. sto girando per cambiarla.. la 3 porte non potrò più tenerla, potrei vendere la mia in privato e usare quella di Marco, ma nel mentre sto girando per vedere se trovo qualcosina che possa piacermi e fare poco di aggiunta.
Inoltre, ultimamente, abbiamo deciso di trasferirci nella nuova casa prima della nascita delle bimbe, questo per evitare di accumulare tutti i cambiamenti in una volta sola.
Spostandomi prima imparerò ad assimilare le nuove abitudini poco alla volta: pulizia e gestione della casa, abitudine al nuovo paese, lontananza dai miei genitori, responsabilità maggiorate e soprattutto non rimanderò il trasloco subito dopo il parto.
Così dovrò "soltanto" affrontare il parto e il ritorno al lavoro.
Ora stiamo girando per i mobili della sala, la madia è stata già definita manca il porta tv, dopodiché, una volta consegnato il divano, non ci manca più nulla.
Devo solo incominciare a prendere la mano con quell'enorme casa e sono già terrorizzata.
Abbiamo guardato anche delle prime camerette, ma ci sarà tantissimo tempo per quelle, prima dovremo pensare a culle e lettini per un bel po'...

lunedì 21 gennaio 2013

Di tutto un po'

Sono tra due giorni le due topine compiranno 20 settimane nella pancia, ormai le vediamo tutte le settimane anche se, ehm, come dire, non è che ci capiamo troppo dall'ecografo ma l'importante è che vada tutto bene, tutte le volte.
Alla 21-esima settimana + 6 finirò il 5° mese: il tempo vola! Leggo di future mamme che non vedono l'ora di abbracciare i propri bimbi, per me è strano, io sono contenta di quello che mi è successo e mi sussulta il cuore ogni volta che le sento muovere.. però ecco io sono letteralmente terrorizzata: a partire dal parto, io che non sono mai stata in ospedale, né mi sono rotta mai niente, poi i mesi iniziali che saranno infernali nei quali dovrò far combaciare le poppate, tenere i nervi saldi, conciliare la vita di coppia e, terrore terrore, dovrò sostenere un trasloco e la gestione di una casa immensamente grande.. io che ho sempre adorato le casine bomboniera che si puliscono con un soffio.
Sarà una sfida veramente grande, forse "troppo tutto insieme" ma tant'è che le cose stanno così e voglio tenere duro per quel che porto dentro e per un sentimento che credo autentico.

Sono a casa di Marco e ci starò per una settimana, si sta bene ma non come a casa, non so spiegarmi anche perché alla fine è come stare a casa mia eppure è diverso e, udite udite, per passare il tempo ho fatto un po' di faccende visto che i due cari e simpatici cagnolini hanno scagacciato e pisciato dappertutto.
In questo periodo che mi trovo molto spesso con me stessa, mi capita di pensare e rimuginare su fatti, situazione e sentimenti e trovo che ho imparato un sacco di cose: prima di tutto a non dire "ti amo" se non assolutamente sicura di quello che sto dicendo.
Credo che tante persone usurpino troppo quelle due parole, che vengono dette con superficialità, senza pensarlo realmente.
Ho imparato anche a scrivere meno.. una volta riversavo i miei pensieri più intimi su kg e kg di carta, alle volte erano diari segreti, altre volte erano lettere o veri e propri manoscritti da consegnare all'amato di turno; ora le cose che sento me le serbo dentro di me perché sono dell'idea che se non le provo più o non mi ricordo è perché quello che provavo non era poi così autentico, mentre se le cose rimangono allora non è necessario appuntarsele perché rimarranno sempre.
Ho imparato che non sono le parole che rendono felici le persone (magari al momento si) ma i fatti; ho capito che però anche le parole feriscono.
Ho imparato che vuoi o non vuoi tutti noi seguiamo degli schemi, a scuola per esempio ognuno ha il suo metodo ma poi lo ripete in continuazione.. nel mio caso consisteva nello tenere uno schema delle interrogazioni, un registro probabilistico per ogni professore e poi studiare nell'intorno del giorno probabile dell'interrogazione, all'università invece usavo l'ultima settimana prima dell'esame per ammazzarmi di studio; in amore forse siamo ancora più stupidi, nel mio caso, per esempio, ogni santa volta che conoscevo un ragazzo ero convinta fosse la persona giusta, poi le tante parole, le tante lettere, con tutti a parlare di convivenza, le prove, i tradimenti, la fine e tanti saluti ed è per quello che ho imparato a diffidare dei sentimenti e mantenerne un po' le distanze, perché è facile dichiarare il proprio amore in un attimo di passione ma dimostrarlo nei momenti difficile è l'impresa più ardua che esista.

E, anche se questa volta le cose sono molto più serie mi viene sempre da chiedermi se ci sarà qualcosa di diverso oppure ripeterò il mio schema; attualmente sono talmente contenta di come vanno le cose che scaccio all'istante questi pensieri, ma.. anche l'altra persona ha i suoi schemi e, aihmè, questa volta, gli schemi di Marco sono molto molto simile ai miei e quindi ci sarà qualcosa che a lui impedirà di ripetere gli stessi schemi?
Bè mi sento scema visto quello che c'è attualmente ma è un tarlo che non mi abbandona, solo il tempo mi potrà smentirmi.

martedì 8 gennaio 2013

Tirando le somme

Questo 2012 è stato un anno veramente incredibile.
Ad inizio anno vivevo in un mini appartamento in un hotel al mare in conflitto perenne con me stessa e la mia testa continuamente protesa al passato e sempre pronta a far danni su danni.
Poi la rottura definitiva di una storia che, forse, avevamo trascinato un po' troppo a lungo che mi ha portato tanto sconforto ma anche alla riscoperta di una nuova amicizia.
Il ritorno a casa e la rinascita.
Ho farfalleggiato a destra a sinistra, ho fatto male a più di un amico e ho conosciuto Marco.
E' stato un crescendo di emozioni, per la prima volta mi sono sentita in balia di un mare in piena che non riuscivo a governare ma che mi trascinava prima qua e poi là senza darmi tregua.
Sono stati mesi bellissimi ma anche difficili, non è stato facile sopportare la nostra situazione iniziale e tentavo di convincermi che potesse essere solo un passatempo, poi la svolta.
Abbiamo passato un'estate stupenda insieme, ricca di cose, ricca di attimi, ricca di amore, poi la prima vacanza.
Poi la scoperta delle bimbe: che emozione straordinaria!
Devo essere onesta: ancora non ce ne stiamo accorgendo a fondo, anche se io incomincio a sentirle muovere, le vediamo tutte le settimane dall'ecografia e stiamo decidendo i loro nomi insieme ai nonni ma.. è come se fossero delle cosine astratte.
Nel mentre cerchiamo di non farci mancare niente: l'affetto dei nonni, il calore dei parenti, la vicinanza degli amici e le uscite, come se niente fosse eppure.. il fiato manca, la fatica arriva subito e la pancia è già enorme.
Ho concluso l'anno con la persona che mi ha permesso di conoscere Marco, con Marco stesso e altri amici, è stata una riscoperta lei è una persona così dolce ed ha una capacità di relazionarsi con i fatti che mi lascia sempre a bocca aperta.
E poi.. è arrivato il 2013, la convivenza, la maternità anticipata e.. sono da poco entrata nel quinto mese, cazzarola come vola il tempo.