martedì 8 aprile 2014

#100happydays sto continuando..

Forse dovrei aggiornare anche qua qualcosina, prima che sia troppo tardi.
Come dicevo ho deciso di aderire a questo contest venerdì scorso, per capire se, in tanto grigiore, qualcosa di buono io lo riesca a trovare.
Non so spiegarmi questa infelicità continua, in fondo, non mi manca niente ed ho due panzarotte che riempiono di gioia le giornate, però di fondo c'è un tarlo che non mi permette di essere spensierata e amorevole come vorrei.
Spero nella primavera, nel sole e nelle giornate splendide.

Bene sono al sesto giorno (oggi) di contest, ecco un breve riassunto dei giorni precedenti.

  • Giorno 1: la mia cagnolina mi ha reso felice mentre giocava con un palloncino, perché ha fatto morire dal ridere le mie due bimbe.
    Alla fine basta poco per sorridere...
  • Giorno 2: una cena con amici, basta una buona compagnia per passare una serata in allegria, anche questo è happy!
  • Giorno 3: il primo giro in bici delle mie bimbe, a quasi undici mesi, le piccolette hanno fatto un girone mastodontico in bicicletta con mamma e papà, erano entusiaste ed io felicissima.
  • Giorno 4: dopo pianti e urla incessanti per quasi un'ora, papà è tornato presto dal lavoro e ci ha allietato la cenetta con balli, canti e scherzi. Finalmente una cena condivisa anche con papà.
  • Giorno 5: mio padre con quaderno alla mano che canta la canzoncina "arca di Noè" alle bimbe per farle mangiare mentre mia mamma le imbocca.
Vediamo cosa ci riserva questo giorno 6, ma so già che il momento happy della giornata sarà alla spa con Silvia e Francesca!
Un appunto sul giorno 5, peccato che questo idillio familiare sia terminato un'ora dopo quando, le bimbe assonnate, hanno preso a piangere disperate, mentre io stavo dividendo il brodo in porzioni e mio padre, isterico come pochi, ha iniziato a dar di matto dicendo che dovevo andare via, che dovevo smettere quello che stavo facendo, fino a che, esasperata, gli ho risposto di stare zitto che di lagnose bastavano le bambine.. a quel punto, col suo solito sentirsi toccato nel profondo, mi ha detto di andarmene.
E, guarda caso, questa mattina, ad aspettare le bimbe c'era solo mia madre col passeggino.
Non la invidio per niente.. oggi dovrà tenermele tutto il giorno per permettermi di godermi, in ritardo, il compleanno organizzatomi dalle mie amiche!


0 pensierini:

Posta un commento