giovedì 31 luglio 2014

Catena di montaggio

In questi giorni casa mia è una catena di montaggio.
Superata (quasi) la paura del rifiuto del latte di Ilaria, le bimbe stanno affrontando, insieme alla mamma, la tracheite.
Quindi la mattina occorre svegliarle, preparare il latte: scremato alla Sofia e intero all'Ilaria, poi mentre una è sotto a fare aerosol, l'altra è al cambio.
I rituali sono gli stessi per tutte e due le bimbe:

  • aerosol: cartoni animati, giochini alla mano, canti, balli e distrazioni
  • cambio: via il pigiama, via il pannolino, vestitini puliti, gocce, pomata e il tutto con palline e bottigliette a distrarle
dopodiché razzolamento libero e caricamento delle pupe in macchina.
Asilo 7.30 - 15.45, poi merenda, cazzeggio alla tv facendo impazzire la mamma, cena (alle volte in compagnia anche del babbo), poi aerosol e nanna.
Nel mezzo ci incastro il necessario per vivere, mangiare non è più una priorità e il più delle volte me ne dimentico, la doccia tranquilla è possibile solo quando mia mamma è nei paraggi, farmi i peli solo quando c'è il sole e non sono troppo stanca, altrimenti prediligo un quarto d'ora sul dondolo.
Ieri ci siamo concessi un aperitivo: è stato piacevole e le bimbe sono state bravissime.

mercoledì 30 luglio 2014

Peli si, peli no

Mio moroso, ogni volta che esordisco con "devo fare i peli" alza gli occhi al cielo, che poi alla fine questi peli, non è che io li faccia tutte le volte che lo dichiaro.
Per esempio ormai sono passate due settimane dall'ultima volta che mi ci sono messa!
Tra l'altro, il fatto che io mi voglia tenere, non dovrebbe essere così problematico per lui visto che è tutto trasparente rispetto alla sua vita.
In ogni caso, basterebbe dare un'occhiata qua per essere più che contenti quando proclamo di volermi depilare!

lunedì 28 luglio 2014

Giochiamo a figurine

Eccoci pronti ad affrontare una nuova settimana, la mia sta partendo così:

  • afta sul colletto gengivale interno del molare in alto a sinistra;
  • tracheite con tosse secca alquanto fastidiosa;
  • stitichezza compagna di una vita;
  • ragadi o emorroidi o entrambi come se piovessero;
  • svarioni grossi del tipo che se mi alzo scattando muoio;
  • attività sessuale di un coniglio (morto però..);
  • felicità e spensieratezza equiparate a Mercoledì, l'eroina della Famiglia Addams;
  • 1,5 kg in più.

In compenso, ultimamente, bevo acqua come se non ci fosse un domani ed ho la vescica di un colibrì e spero, quindi, anche meno ritenzione idrica.
Detto questo, insomma, nessun progresso in campo Olife, mi spiace per i sostenitori accaniti. Tra l'altro più cerco di informarmi su questo prodotto, più ricado su forum, blog, siti e community che ne parlano un gran bene ma che, gira che ti gira, sono gestiti da venditori (al contempo utilizzatori) del prodotto.
Il problema è che io non li ritengo un campione statistico per capire se funziona o meno, perché dal momento in cui il prodotto lo vendo e tento di guadagnarci, è ovvio che non potrò mai dire che funziona in parte o non funziona.
Mi spiace ma rimango alquanto scettica sul prodotto, anche se porterò a termine quello che mi sono prefissata di fare e cioè almeno due mesi di tentativi, quindi altre due bottiglie.
Poi tornerò ad Isocell forte che promette una cosa e la fa bene; o forse smetterò del tutto, anche perché poi l'estate finisce e le gambe non saranno più in mostra.

venerdì 25 luglio 2014

Detto tutto..

No, cioè.. questo articolo ha detto tutto!
Non aggiungo altro..

Mi limiterò a fare delle considerazioni in merito alla mia situazione..

  • Chiedere aiuto: quando lo faccio col mio moroso è sempre disponibile a darmi una mano, soprattutto se lavora vicino a casa; il fatto è che per le cavolate, o anche solo per lo stress di non sentirle urlare e piangere non vado a disturbare lui e quindi le alternative sono i nonni. Il problema è che i due dalla parte mia hanno sempre bisogno di una pianificazione dettagliata e, il più delle volte, visto che impiegano 30 minuti ad arrivare, la crisi è già passata. I due dalla parte di mio moroso, di cui uno lavora e non può, capita che una volta chiamata (se raggiungibile) arriva con molta calma largamente dopo la mezzora, indi per cui chiamarla è inutile
  • Fatevi aiutare per la preparazione dei pasti: qui ci vuole una giornata intera.. dunque, partendo dal fatto che il moroso lavora come un cane e che torna a degli orari in cui o hai già pensato alla cena oppure vai fuori a mangiare, c'è anche da dire che io sono abbastanza incazzevole. Cosa significa? Significa che se devo spiegare, per filo e per segno, a qualcuno come preparare e dove trovare gli ingredienti per farlo, faccio prima ad occuparmene io che così evito nervoso e muso
  • Quando dormono loro, dormite anche voi: questo è un punto fermo! Applicato sempre, soprattutto quando non lavoravo, avevo assunto i loro ritmi ma, di conseguenza, ogni volta era un continuo "ma dormi sempre, ma si potrà, ma le altre come fanno, ma non fai un cazzo in casa, ecc.." ora capita più di rado ma continuo a farlo anche se le critiche rimangono sempre le stesse, il che mi produce un rilassamento mentale ma un'ulcera galoppante in arrivo.
  • Attività fisica per lo stress: ahahahahah già è tanto quando riesco ad andare a passeggiare con loro senza urli, pianti, giochini per terra, tirate di capelli ecc.. e passeggiare è un eufemismo visto che trascino un passeggino di 10 kg più altri 17 kg sopra.
  • Non chiedere troppo a se stessi: non c'è problema, non sono io che chiedo troppo a me stessa, per me esiste solo il minimo sindacale e già, parlando con mamme di gemelli, è abbastanza, visto che sento racconti di straccio non passato da tre settimane e merda per tutta la casa. Forse sono le aspettative altrui che andrebbero ridimensionate.
  • Oltre ad essere mamme, siete anche donne: ci provo spesso a ricordarmene, il fatto è che per andare dal parrucchiere o dall'estetista equivale a chiedere aiuto (punto 1), quindi solitamente, visto che è pianificabile, mi affido ai miei genitori, perché gli orari non sono propriamente il forte di mia suocera; ma, ogni volta, che i miei le tengono per futili motivi (peli incolti e capelli selvaggi) mi becco sempre la battutina di merda.

mercoledì 23 luglio 2014

wikipedia

Anche per quest'anno ho fatto un'opera buona visto che usufruisco in continuazione di wikipedia.
Ho donato due euro.. non saranno tanti ma se, chiunque utilizzi questo strumento, lo facesse, sarebbe già una bella mano.

Asilo

Ogni giorno che le porto è sempre peggio, altroché inserimento!
Le bimbe avevano capito che, in quelle due settimane, rimanevano a giocare lì per qualche ora e poi, la mamma, che stava dietro la porta, le sarebbe tornate a prendere.
Adesso, invece, han capito che la mamma prende e se ne va e la tragedia è immane.
Pianti lancinanti, manine stese verso di me, faccine imploranti.. è un massacro doversi allontanare, si spezza il cuore.

Parlando di cose belle, invece, la Sofia ha acquisito fiducia e cammina come una scheggia impazzita, Ilaria invece sta muovendo i primi passi sempre più velocemente, son due piccole soddisfazioni!!

martedì 22 luglio 2014

Tetris

Da quando ho le bimbe, le mie giornate le trascorro incastrando di tutto un po' nella maniera ottimale possibile.
In altre parole cerco di giocare a tetris con i miei impegni, doveri e divertimenti; il più delle volte mi riesce bene, merito forse delle mega partite che facevo tanto tempo fa al game boy in bianco e nero, altre volte invece capita un po' come quando il pezzo "z" non centra un piffero e si va a posizionare da qualche parte alla cazzo di cane.
Il fatto è che una donna, soprattutto quando si decide di vivere insieme e, ancor più quando ci sono dei figli, secondo me viene data un po' per scontata.
E' quella che lavora "meno", è quella che tiene radanata la casa perché dovrebbe essere nella sua natura, è quella che si occupa maggiormente dei figli sempre per il motivo di cui sopra ed è quella che poi dovrebbe essere pimpante ed eccitante in tarda serata.
Dico dovrebbe perché, nel mio caso, in tarda serata non ci arrivo mai, ma mi perdo sonnacchiosa nel divano intorno alle 22.30 seguendo a ruota bimbette e papà che già sonnecchiano da almeno mezz'ora.
Lo spunto di questo post deriva da questo articolo dice di pensare alla famiglia come un'azienda in cui ognuno ha i suoi compiti, per esempio papà ha il compito di tagliare l'erba, di mantenere tutto ciò che è idraulico e meccanico, quello di stappare le bottiglie di vino, di tagliare il formaggio, di affettare con l'affettatrice i salumi e, ogni tanto, di rimettere qualcosa in frigo appena si alza dal tavolo. Con le bimbette, invece, ha il compito di cambiarne una la sera, dare il fruttino quando è a casa e intrattenerle mentre io faccio le faccende di base.
In base all'articolo, probabilmente, i suoi compiti dovrebbero essere un po' più incalzanti, ma tant'è che mediamente ritorna alle 20 e non sempre me la sento di incalzarlo ad apparecchiare, per esempio, ma così facendo, non so perché, cresce in me la frustrazione di abituarlo bene.
Da parte mia devo ammettere che non ho ancora iniziato a pianificare nessun menù, vado d'istinto, quando ho tempo vado al super e prendo robe per i prossimi due giorni e fine; non ho giorni specifici per il bucato ma, in genere, me ne occupo quando papà è a casa che bada alle bimbe.
Per le faccende mi avvalgo della donna delle pulizie una volta a settimana e mi limito a fare il grosso il resto dei giorni (tipo pulire per terra quando vedo rotolare balle di polvere grosse come un gatto, cambiare le lenzuola, cucinare, ecc..).
Il problema è che mi sento spesso "scontata", quando mi sento dire che se ho tempo di andare dal parrucchiere o di farmi i peli, ho tempo anche per pulire i vetri. Forse dovrei lasciarmi andare e diventare una donna pelosa, barbuta e baffuta coi vetri puliti, ma non voglio farlo perché ho ancora voglia di sentirmi viva e piacente e non dovrei lasciarmi condizionare da queste critiche dettate dalla frustrazione di non riuscire a trovare un po' di tempo libero per sé, come, alle volte, riesco a fare io; invece capita che spesso mi faccio condizionare, mi sento svilita e scontata.
E questo ci rimanda all'articolo che è linkato dal link di cui sopra.
E' dura convivere con chi non ha mai provato a vivere da solo per almeno un annetto, è dura far capire che ci sono giornate in cui tu non hai voglia ma che se vuoi mangiare o non vivere nella merda occorre fare lo stesso e per me è stata dura imparare a stare dietro alle bimbe assecondando le loro esigenze mettendo da parte le mie.
Devo spezzare una lancia in favore di papà, cresciuto praticamente come un principe, servito e riverito dalla sua mamma che, addirittura, gli posizionava le salviette post-sesso sul comodino, che non conosceva il concetto di annusare una maglia per scoprire se era il caso di lavarla o che l'aspirapolvere era un concetto astratto dalle forme sconosciute; se la sta cavando egregiamente anche se alle volte ricade nel passato pretendendo l'ordine e la pulizia che c'erano in casa sua. Adesso usa autonomamente il cesto dei panni sporchi, impugna l'aspirapolvere come un condottiero che libera la casa da bestie e ragnatele, conosce tutti gli arnesi del caso per apparecchiare e via dicendo.
In conclusione diciamo che il problema sta nel fatto che io ero abituata a farne veramente poche e adesso che mi ritrovo a fare la mamma, la lavoratrice e la donna di casa, ho dovuto abituarmi a ritmi pazzeschi, però in fin dei conti, non pretendo niente di più.. certo mi piacerebbe che mentre cucino qualcuno apparecchiasse, ma preferisco molto di più sentir ridere le bimbe insieme al papà, certo mi piacerebbe suddividerci le pulizie nel week end, ma in fondo ho la possibilità di pagare la donna delle pulizie e preferisco di più veder sorridere le bimbe in bici o sull'altalena, a me basterebbe soltanto che il mio operato non venga dato per scontato, che io alle volte mi stupisco da sola quando riesco a preparare la cena per le bimbe e la cena per noi, incastrando anche le coccole, le faccende e tutto il resto.
Non so, forse pretendo troppo, forse la faccio più lunga di quello che è, in fondo non sono la sola ad essere madre, moglie e lavoratrice è solo che sentirsi ripetere che, invece di lamentarmi, dovrei guardare a chi ne fa di più.. non è uno stimolo, anzi..

lunedì 21 luglio 2014

Olife #13

Eccoci qua, Olife è diventata una sorta di droga, dopo il cappuccino e dopo aver allattato e cambiato le bimbe, il pensiero ricorrente è "devo bermi un cicchetto di Olife".
Anche il sapore che era tremendamente schifoso si è trasformato in un rituale piacevole.
Ci metteranno qualche droga stile "creiamo dipendenza"?
Ai posteri l'ardua sentenza.
Ripeto che è ancora presto per sparare sentenze, ma un aggiornamento ogni tanto ci sta.
Mi affido ai benefici descritti nel sito ufficiale che vado ad elencare:

 Possiedono un’importante azione antiossidante contrastando efficacemente i radicali liberi.
• Aiutano l’organismo a controllare fisiologicamente la pressione arteriosa.
 Coadiuvano l’organismo nel fisiologico controllo della glicemia e del colesterolo.
 Hanno azione energizzante, utile in presenza di stanchezza, astenia e sonnolenza.
 Hanno azione vaso protettiva e vasodilatatrice.
 Coadiuvano il metabolismo dei lipidi e dei carboidrati.
 Rinforzano il sistema immunitario.
 Hanno azione detossinante

al momento non saprei dire né bene né male, anche perché non saprei come valutare l'azione antiossidante, mentre, per quel che riguarda la pressione arteriosa, ho notato che ho meno svarioni la mattina quando mi sveglio.
Infatti mi capitava che se mi tiravo su velocemente avevo degli svarioni non indifferenti, ora mi capita molto raramente e, anche se, proprio ieri, ho avuto un ennesimo episodio, sono calati di numero.
Glicemia e colesterolo, anche questo difficile a dirlo, avrei dovuto provare prima di iniziare, visto che ho la macchinetta per verificarlo, posso pensare di provarci uno di questi giorni e poi ritmicamente ogni 10 e vedere se c'è un controllo effettivo.. Potrei fare la prova prima e dopo colazione (che è l'unico pasto certo della mia giornata).
Azione energizzante: sorvoliamo.. ho sempre voglia di dormire, ieri per esempio, complice il fatto che non riuscivo ad alzarmi dal forte mal di testa a grappolo, ho dormito almeno almeno 3 ore e mezza e questa notte mi sono messa a letto alle 23 ed ho tirato fino al mattino senza colpo ferire.
Sull'azione vaso protettiva, che poi, non si scrive tutto attaccato? non so cosa pensare.. infatti, facendomi i peli sulle gambe col silkepil da ormai quasi 20 anni, ho notato che da un po' di tempo ho parecchi capillari rotti, potrebbero essere sorti dal parto, oppure dall'inesorabile passare del tempo; quindi dovrei fare una foto attuale delle mie gambe e poi vedere tra un mese e mezzo; l'azione vasodilatatrice che un pochino cozza con la regolazione della pressione arteriosa, non ho potuto verificarla direttamente.
Anche il viagra è un vaso dilatatore, in particolare la mia amica che assume Olife come me dice che ha più appetito sessuale ma io credo che il fatto che sia single e che veda manzi mezzi nudi tutto il dì (lavorando al mare), aiuti parecchio.
Assimilare più velocemente lipidi e carboidrati, non ho la certezza matematica ma certo è che ultimamente non sono aumentata di un grammo nonostante due o tre cene super abbondanti a settimana annaffiate di vino.
Punto assolutamente a favore il rinforzo del sistema immunitario: chi me lo ha venduto, mi ha detto che, tra le tante poteva venirmi in soccorso per le afte e, devo ammettere, che da due settimane non se ne vedono, anzi dirò di più, due giorni fa sembrava dovesse uscirne una su una guancia e invece in due giorni la sensazione è scomparsa.
L'azione detossinante non so nemmeno come poterla verificare dal vivo, quindi non mi esprimo.

In ogni caso, il Ministero della Salute, ha riconosciuto Olife verificato per i seguenti benefici:
antiossidante, metabolismo dei lipidi e dei carboidratinormale circolazione del sangue regolarità della pressione arteriosa.
e, devo essere sincera, se facesse soltanto queste cose qua e le facesse bene, sarei già soddisfatta appieno.

Poi vabbé ci sono siti ridicoli come questo, che millantano proprietà curative non indifferenti che, anziché dare credibilità al prodotto, lo svalutano e di tanto.
In particolare io starei molto attenta col punto 28, 37 (che è il punto più ridicolo in assoluto... dopo anni e anni di ricerca, sembrerebbe che basti Olife per combattere l'HIV, ma per favore!)
Detto questo, molti di quei punti sono una ripetizione di altri e, nel mio modesto caso, non ho ancora sistemato la stipsi cronica, né tanto meno le emorroidi visto che ci convivo dal parto e, ogni volta che vado al bagno è peggio che partorire.

Bene mi sono dilungata anche troppo.. ci aggiorniamo più avanti, almeno alla fine della prossima bottiglia.

Primi passi #2

Ebbene sì, anche Ilaria, ieri, ha mosso i suoi primi passi.
Ora ci manca un po' di fiducia e poi.. chi le ferma più?

Ah.. oggi primo giorno di asilo senza che la mamma sia a poca distanza da loro, che emozione!!

lunedì 14 luglio 2014

Regalo patchwork

Ieri il moroso mi ha fatto un regalo bellissimo..
Mi ero innamorata di una maglia che, per stile e prezzo, non è proprio da me ma non me la cavavo dalla testa e così...
Adesso è mia..
Per chi fosse curioso cercate "Lara pullover desigual"!

venerdì 11 luglio 2014

Olife #3

Giorno 3.
Non mi aspetto grandi cose, anche se la mia amica che ha iniziato un pò prima di me dice di aver maggior appetito sessuale..
Io no, ma fra tutti i miracoli che dice di fare, mi basterebbe facesse quello, invece niente.
Credo che il fatto che sia single da poco, che sia estate, che veda manzi tutti i giorni (lavorando praticamente al mare), forse il miracolo si chiama tempesta ormonale, ma sarò fiduciosa e continuo a sperare che possa fare lo stesso effetto pure a me.
Per il resto.. Il sapore, quando il prodotto è fresco da frigo è già migliore.
L'unica nota che stona è che se bevo poca acqua, o comunque quando sono in carenza di liquidi, ho sempre questa strana sensazione di nausea (assicuro di non essere incinta visto che sto usando la mitica coppetta).
Inoltre ho preso un kg visto che sono a casa da una settimana e anche la prossima andrà così, quindi al momento nessun effetto positivo se non forse, ma se proprio vogliamo trovare qualcosa, è che ancora non è apparsa più nessuna afta.
Aspetto che può essere anche negativo visto che, per ogni afta, erano due kg in meno...
Stay tuned..

martedì 8 luglio 2014

Primi passi

Che madre snaturata! Un appuntamento così importante e nemmeno due parole sul blog!!
Bè Sofia, il 5 luglio, ha mosso i suoi primi passi da sola: che soddisfazione!
Deve aver capito di aver fatto una cosa importante perché era fiera come una Pasqua.
Per Ilaria ci vorrà un po' più tempo ma è già sulla via giusta.

lunedì 7 luglio 2014

Olife

Primo giorno di test. Non starò a parlare del prodotto perchè basta una ricerca su internet.
A sentir loro fa miracoli e, onestamente, sono dell'idea che, per rendere un prodotto credibile, non bisogna esagerare mentre a sentire le qualità decantate sembra che fa miracoli per tutto.
Con me avrà vita un pò dura sia perchè sono molto scettica sui prodotti venduti col metodo piramidale, sia perché ho già fatto una cura di quasi tre mesi per migliorare la circolazione del sangue e, oltre a perdere 4 kg perchè mi sono data una radanata anche sul mangiare, ho già quasi eliminato del tutto la ritenzione.
Detto questo comunque mai demonizzare prima le cose.
Ho due bottiglie per cominciare perchè, si sa, che le cose naturali (sperando che lo sia) per fare effetto hanno bisogno di un pò di tempo.
Mi concederò due mesi di prova con spirito propositivo.
Intanto posso dire che il sapore non è sgradevole ma nemmeno piacevole, ma d'altra parte si parla di erbe...

venerdì 4 luglio 2014

Son cose belle

Adesso che Costantino ci ha pregiato di farci sapere che, con la sua attuale fidanzata, tromba tre volte al giorno, mi sento meglio...
Non potevo assolutamente vivere senza sapere questa cosa!
Per la serie.. #notizietrash riempi pagina.

giovedì 3 luglio 2014

Che poi..

Che poi se uno deve leggere il mio blog e usarlo come spunto per le critiche, o ritenere che ci siano scritte cose esagerate.
Bè la domanda spontanea che sorge è: ma perché lo leggi?
Ci sono tante cose belle da vedere su internet, proprio qui devi capitare?

Dopo questo, vediamo quante #codadipaglia ci saranno.

mercoledì 2 luglio 2014

Asilo nido

Ebbene sì, siamo arrivati anche a questa importante tappa.
I primi sorrisi, le prime lallazioni, i primi dentini, le prime parole, i primi passi assistiti ed ora l'asilo.
Crescono in fretta le pupazzine!
Più crescono loro, più calo io e mi sento sempre più sfinita, mi sento quasi impotente, non riesco a farmi ascoltare, non riesco a far capire che certe cosce van fatte, altre no, non riesco a fargli capire che ci sono momenti per giocare, momenti per dormire, momenti per mangiare.
Mi viene una frustrazione indicibile quando cucino per loro con un impegno assurdo e poi loro non ne vogliono sapere e preferiscono quelle pappe pronte merdose della Plasmon che puzzano di pesce andato a male.
Mi vien da piangere quando è ora di cambiarle, che non stanno mai buone, e mi devo inventare tutte le volte qualcosa di nuovo per permettermi di avere il tempo di un cambio pannolino.
E' come se loro avessero già preso il potere, ancora sembrano non capire un cavolo e invece già han capito tutto.
Io sono sempre più esaurita e sfinita.
Confido nelle regole dell'asilo, confido che imparino a riportarle anche a casa. Ripongo troppe speranze?
Comunque fare la mamma dà un sacco di soddisfazioni ma quanto dispendio di energie e quanto avvilimento!!

martedì 1 luglio 2014

Bici elettrica

Ecco il regalo di "apapà" per il mio compleanno.
una bella bici elettrica.
Già mi immaginavo di sfrecciare come quelle vecchiarelle coi capelli al vento per le vie di Gabicce e Cattolica.
Invece no, è una di quelle con "pedalata assistita" quindi, tu pedali e lei ti aiuta, ma si suda, urca se si suda!
Quindi, dove sta l'assistenza alla pedalata? Bè diciamo che su una salita da Fausto Coppi, sudi e fatichi come se facessi una piccola rampa.
E poi... oh... ma vuoi muovere un po' il culo? Se no lo chiamavano motorino e non bicicletta!