martedì 31 marzo 2015

Mi band

Giusto giusto per il mio compleanno mi è arrivato, direttamente dalla Cina, il braccialetto Mi band.
Qua al lavoro da me ormai spopola, è il gadget must have.

E' una cagata mostruosa.
Andiamo per ordine.
Prima di comprarlo ho letto un sacco di recensioni, basta semplicemente digitare Mi band opinioni, su google e appaiono un sacco di articoli di chi l'ha provato: tutti ne tessevano le lodi.
Per carità per la cifra che l'ho pagato è ridicolo pensare che facesse miracoli, però magari le recensioni andrebbero un tantino ridimensionate.
Non paga di tutto ciò, ho chiesto anche a chi effettivamente lo aveva già, mi sono fatta mostrare la app, la facilità di utilizzo ecc.. i colleghi che lo hanno me ne hanno parlato un gran bene, in particolare mi sono rivolta ad una ragazza e le domande che l'hanno messa in crisi sono state:

  • ma se ho le mani sul passeggino, i passi me li conta?
  • utilizza un giroscopio, un accelerometro o entrambi?
  • ma se mangio i biscotti o "fingo" di camminare muovendo il braccio, i passi li conta?
Panico.. nessuno si era posto queste domande e così ho cercato in rete.
Ho letto che in bicicletta, ad esempio, i km e le calorie vengono contate, e allora ho ipotizzato che il manubrio della bici potesse essere simile al "manubrio" del passeggino, in più la mia collega mi ha assicurato che muovendo il braccio senza camminare i passi non venivano calcolati, quindi ho dedotto che avesse entrambi (giroscopio e accelerometro).
Tutto falso.
Ieri sera mi sono messa a fare delle prove: da seduta ho mosso il braccio e dopo un po' tac, i passi erano partiti.
La funzionalità sonno che in tanti decantano come super perfetta ha delle lacune e pure grosse, prima di tutto non capisco che cosa gli fa decidere che sto dormendo se il "non movimento rilevato" o la l'esposizione a una qualche luce..
Ieri, infatti, ho dormito due ore sul divano, poi sono andata a letto e, durante la notte mi sono svegliata almeno tre o quattro volte per le bimbe che piangevano.
Al mattino, controllando il ciclo del mio sonno registrato, ho visto che ha iniziato a calcolare il sonno dal momento in cui sono andata a letto, quindi le due ore sul divano non sono state conteggiate, e le tre/quattro volte in cui mi sono svegliata perché le bimbe piangevano, non ne ho trovato traccia.
In pratica nei momenti in cui ero in camera delle bimbe, quindi fisicamente sveglia con tanto di "passeggiata", il rilevatore ha pensato che fossi in un sonno leggero. Una sonnambula!
Tra l'altro mi sa che mi sono svegliata più di due volte... (sotto il mio ciclo di sonno):


In altre parole, ok che ho speso 14 euro e non posso pretendere chissà che, ma non ci azzecca proprio, è come se avessi comprato una sveglia da polso (se connesso via bt al cellulare) a 14 euro, perciò:


lunedì 30 marzo 2015

shred #18 e le bimbe

Oggi affronterò il giorno 19 e non vedo l'ora perché il livello due mi fa proprio cagare: tutte quelle posizioni di plank mi ammazzano!
E' sempre più complicato trovare filmati interi, al momento dovrei averli tutti e tre e devo pregare che la rete non mi abbandoni proprio sul più bello (come è successo domenica).
Sto già indagando per il ripped e no non è facile per niente.. ho già trovato tutti i link, ma ho notato che molti dei filmati si vedono sul pc ma non sulla smart tv e quale sia il motivo non lo so.
Pc a casa non ne ho, indi per cui dovrò attrezzarmi ed essere super preparata.
Considerazioni al 18-esimo giorno? Bè la pancia mi sembra ridimensionata anche se alla vista è comunque flaccida e rovinata, purtroppo il rilassamento della membrana addominale non mi permette di avere una pancia piatta come avevo prima, posso solo modificarla tutto intorno, oppure dovrei regalarmi una addominoplastica ma non me la sento di andare sotto i ferri visto che, in vita mia, non ci sono mai andata e poi se proprio dovessi... preferirei una/due taglia di reggiseno in più così la panza verrebbe messa "in ombra" dalle tette.

Detto questo, nel mentre ho avuto un po' di problemi con le bimbe, hanno la diarrea da due settimane che poi, diciamocela tutta, è da settembre che non hanno mai smesso di fare la cacca "brutta": mai formata, ma è una diarrea atipica perché loro non hanno mal di pancia, fanno tanto aria, hanno un gran appetito, sono vispe e birbe come sempre e alternano giorni di stipsi a giorni di invasione di m.
Contando anche il fatto che le analisi del sangue non hanno evidenziato allergie e celiachia e che le analisi delle feci sono negative; non solo ma dopo due settimane di dieta bianca e a casa, non può essere che ancora non sia passata.
Tutti sintomi che forse fanno pensare al colon irritabile, quindi la pediatra vuol vedere tutta la documentazione ed eventualmente mi farà un certificato tramite il quale l'asilo non può più rispedirmele a casa.
Anche perché ormai sta diventando una lotta... le porto all'asilo, mi chiamano, faccio il certificato, le riporto all'asilo, mi richiamano e così via.
Tra le tante sta girando anche la varicella..
Se il colon irritabile non convince la pediatra, ci toccherà anche una visita dal gastroenterolo.

venerdì 27 marzo 2015

Misurazioni #15

Come per il giorno 1 ho già preparato un post con le mie foto, e come per il vecchio, devo ancora decidere se pubblicarlo o meno.
Le foto non mi convincono, o meglio, pensavo che fotograficamente, si potesse vedere qualche miglioramento in più.
Vero è che come le scatto io le foto, non le scatta nessuno: sono in grado di mettere in risalto i difetti peggiori, tipo gobba, doppio mento e pancia.
Mi sono comunque misurata, ma i risultati sono un po' strani, sembrerebbe io abbia perso 1 cm nelle cosce, nulla in vita, 4 cm dai fianchi e un cm in più sulle braccia.
4 cm mi sembrano un po' tanti, considerando il fatto che, la prova pantaloni non abbia dato il risultato atteso, anzi ho come l'impressione che non sia cambiato nulla.
Ormai sono in ballo e continuerò a ballare fino al 30-esimo giorno di shred (10/4), a me la pancia sembra diminuita, ma dalle foto non sembra proprio (e nemmeno dalla prova jeans), quindi continuo solo per un fatto mentale e per la carica giornaliera che mi danno quei 28 minuti di esercizio fisico.
Prossime misurazioni al giorno 30.

giovedì 26 marzo 2015

30 days shred #14

Ieri ho affrontato il mio giorno 14, quindi in pratica il quarto giorno del livello 2.
Da murì!
Avevo iniziato a digerire bene il primo livello, arrivavo in fondo un po' affaticata, ma seguivo il loro ritmo e per lo più facevo quelli da "esperta".
Poi parte il primo giorno di livello 2: la morte in faccia! Pensavo di non uscirne viva, avevo già in mente il testamento.
Le posizioni di plank usate per fare cardio sono devastanti, i salti doppi con la corda sono allucinanti per il resto si fa.
Mi sono pesata oggi per sfizio, pur non facendo una dieta, mangio più o meno come solito ma brucio di più perché, ripeto, oltre allo shred mi sparo pure addominali e glutei di blogpilates, eppure niente.. due kg in più. Vero è che non vado di corpo da almeno quattro giorni, ma non penso di avere ben due kg di roba da smaltire, sarebbe una sorta di parto (contando che Sofia, alla nascita, era 1 kg e 800g).
Mio moroso mi prende in giro dicendomi che è tutta massa muscolare e che sta iniziando ad avere paura di me perché sono una piccola Hulk, ma in tutta onestà, io non vedo questi gran cambiamenti.
Mi sento meglio, questo sì, probabilmente la scarica di adrenalina mi permane per tutta la giornata e così mi dedico a tremila attività che prima, anche solo a pensarle, mi stancavano.
Mia cognata, invece, ha dato su, ha visto che il suo peso cresceva ed ha smesso, ma figuriamoci, siamo alte uguali e lei pesa 47 kg, io ehm, diciamo tanti di più. quindi lei continuerà la sua corsa e i suoi addominali.
Io purtroppo non sono costante, se non ho qualcosa da seguire, non faccio niente, perciò continuerò con lo shred e poi forse il ripped, soltanto perché sto meglio mentalmente, ovvio che se aumento di qualche altro kg e non vedo i cm calare, allora dò a mucchio pure io.
Oggi è il giorno delle misurazioni, farò lo shred, farò le foto (che vedrò se pubblicare o meno) e poi prenderò le misure, anche se ripeto.. sono titubante, dovrei ricordarmi il punto preciso in cui ho preso le misure l'altra volta, già uno discostamento del sito di misurazione, può riportare cm in meno che, in realtà, non ho perso
Finger crossed for me!


venerdì 20 marzo 2015

30 days shred #8

Ieri ho affrontato il mio giorno 8 dello shred, ancora poche considerazioni da fare, ma mi sta prendendo un po' di avvilimento.

Il dolore muscolare è costantemente presente ma lieve, segno che il lavoro che sto facendo, probabilmente sta risvegliando i miei muscoli dall'atrofizzazione in cui erano assopiti ormai da due anni.
Ho iniziato da due giorni ad associare anche gli esercizi per sedere e ancora addominali di blogilates ma questi non è che mi gasano più di tanto e credo che forse mi piacerebbe di più se avessi una trainer da seguire, ma con le bambine non riesco, perciò mi tengo jillian nella pausa "asilo", faccio queste ripetizioni quando loro vanno a dormire e amen.
Poi inizierò il Ripped in 30.
Se non fosse che mi sta prendendo, appunto, un po' di avvilimento. Vero è che, come ampiamente spiegato, di peso probabilmente non se ne perde, a meno che non si associ una dieta specifica e io non lo sto facendo, sto cercando solo di limitare la mia ingordigia quindi, niente più colazione al bar, niente più pizzette della macchinetta, niente più thè e biscotti.
In pratica mi concedo: un cappuccio con un cucchiaino di miele a casa, un thè con sei biscotti (super calorici) alle 10.30 e un pranzo mega leggero (melone o ad esempio oggi ho una tazza di quinoa con verdure e un po' di lenticchie), evito la merenda o al massimo mi concedo un biscotto per il calo di zuccheri e poi ceno normalmente.
Nonostante tutto, sono ingrassata di mezzo kg, probabilmente il mio metabolismo deve ancora assestarsi visto che solitamente ingurgitavo: cappuccio con miele a casa, cappuccio con miele e pasta al bar, pizzetta della macchinetta, thè con almeno 10 macine e poi a casa merendina con le bimbe e poi spizzichi tutto il pomeriggio per arrivare a cena e mangiare normalmente.
Vorrei poter dare la colpa anche "alle rosse" perché "si sa" un po' gonfiano, ma la verità è che dovrei comunque mangiare ancora meno, o per lo meno meglio.
Tutto si fa se lo si vuole, ma già mi sono fatta violenza per rinunciare alla mia mezzora di pausa e dedicarla agli esercizi, se mi precludo anche la passeggiata con le bimbe per cucinare sano, è meglio che mi butto da un ponte.
Sto associando lo shred alle solite pasticche drenanti che uso ormai tutti gli anni all'affacciarsi dell'estate e sono queste qui.
Inoltre, per i grossi dolori muscolari iniziali e per reintegrare un po' di sali minerali (visto che sudo come una bestia), prendo degli integratori della Aligest che si chiamano Nutri muscoli: servono per un recupero più veloce sul dolore grazie alla vitamina E.
Sicuramente continuerò lo stesso, nonostante l'avvilimento, solo perché poi mi sento più pimpante e mi vedo meglio allo specchio (vestita), quindi se non si allena il corpo, almeno si allena un po' la mente.
Spero di vedere qualche risultato, non mi misurerò all'11 giorno come consigliato, è troppo vicino ed ho paura di vedere zero risultati, proverò a prendere nuove misure al giorno 15 e poi al 30.
Devo essere onesta, se non vedrò nulla di modificato, probabilmente interromperò tutto quanto.

martedì 17 marzo 2015

30 days shred #5

Ieri ho affrontato il quinto giorno di shred e, per la prima volta, non ho avuto dolori per tutto il resto della giornata, resta comunque il fatto che due volta di fila i salti a gambe divaricate proprio non riesco a farli, mi uccidono.
Per curiosità nel pomeriggio ho guardato video di altre persone che lo avevano fatto, una sorta di video diario e, le due che ho seguito, hanno ammesso di aver avuto problemi intestinali nel mentre...
Guarda caso ho il cagotto anche io, vuoi vedere che stimola il virus intestinale per farti dimagrire? :D
ahahahah
Fatto sta che sono due giorni pieni che non mangio, o per lo meno, io ci provo, ma poi il mio corpo elimina tutto magicamente, per carità, per una stitica come me, un po' di cagotto ogni tanto è un toccasana!
Altre impressioni non saprei, onestamente credo che sia presto per notare dei cambiamenti, l'unica cosa è che mi sento più attiva durante il giorno e già non è poco.
Le prossime misurazioni saranno tra altri cinque giorni, ma sono sempre più convinta di non postare foto, mi sento troppo ridicola.

venerdì 13 marzo 2015

Sbriciolamento

Vi rilascio un'anteprima sul programma fitness che sto seguendo, a breve, forse, il post più completo.
Sto seguendo questa signorina qui, che ha creato un bel business: ginnastica per casalinghe frustrate!
In particolare sono partita dal level 1.
Inutile dire che ho seguito la ragazza che fa esercizi più semplici, l'anticipazione che vorrei darvi è che al minuto 7.27 sono stramazzata al suolo, mentre al minuto 13 ho smesso di provare a rialzarmi.
In ogni caso ho finito il primo giorno di allenamento, ma non so, causa acido lattico in circolo, se sono in grado di affrontare il secondo.

giovedì 12 marzo 2015

La ragazza è brava ma non si applica

Vi assicuro che mi sto convincendo di incominciare, prima o poi. i 30 days.
A mia riprova, vorrei mostrarvi il calendario che mi sono disegnata:
e farvi sapere che ho già comprato il metro da sarta per misurarmi e, in previsione del mio compleanno, mi sono fatta un regalo: Mi Band.
Non so quando e se arriverà, ma sono fiduciosa.
Detto questo, non mi manca niente e così, oggi, mi sono decisa di provare a vedere se, nella pausa pre-asilo, riesco a fare gli esercizi senza morire d'un colpo.
Vi farò sapere...


martedì 10 marzo 2015

Ho trovato la soluzione

Ordunque (partiamo parlando forbito), oggi pascolando qua e là in rete e tentando per l'ennesima volta di scaricarmi un po' di esercizi fisici che fanno miracoli e che includano, fra gli attrezzi da utilizzare, divano e cioccolata calda, ho avuto l'illuminazione!
Agosto!
Ad agosto avrò due/tre settimane di ferie e potrò iniziare la sessione dei trenta giorni, anche perché i primi giorni, se non seguo la Jillian, saranno esercizi lievi che impiegano poco tempo e potrei iniziare a puntino, in modo tale che quando arrivano i giorni più impegnativi, tadaaaa, iniziano le ferie e le bimbe continuano ad andare all'asilo.
Non ho ancora capito perché, mentre in teoria l'asilo dovrebbe essere a sostegno delle famiglie (credo in particolare a quelle che lavorano), tengono aperto tutto agosto e chiudono due settimane a settembre.
Agosto è anche una bella "scusa" per me che sono la regina del rimando, ho ben quattro mesi per convincermi e motivarmi, ce la farò?
Un primo passo l'ho fatto... ho ritrovato reperti preistorici con la forma di pesetti da 1 kg e un tappetino da allenamento smangiucchiato dal cane. Sono a cavallo!
Un cruccio che ho è... se provo a fare i 30 giorni shred, cosa uso? La smart tv? Un pc a casa non ce l'ho.... ma soprattutto, riuscirò a ritagliare 30 minuti fra dormite, mare, spiaggiamenti sul divano & co?


lunedì 9 marzo 2015

Festa delle donne nella spa

Pensavo già di non far niente, alla fine la festa della donna è un pretesto in più per farsi una pizza tra amiche, ma da quando ho le bimbe, le uscite sono decimate e quindi pensavo di starmene a casa.
Poi l'idea: utilizzare il buono per la spa per andarci con cognata.
Non pensavo accettasse, visto che ha il compagno pressoché nullo nella gestione domestica del loro figlio e visto che, i suoi genitori, erano a pranzo fuori.
Invece la risposta è stata sì e da lì in poi la giornata è stata in discesa.
Il percorso comprendeva tre ore di assoluto relax e così è stato, mi immaginavo uno stato un po' di ansia da parte sua, invece si è lasciata andare e, solo verso la fine, ha incominciato un pochino ad essere insofferente, colpa della chiamata di lui che voleva soltanto informarla che era in giro a Cattolica.
Di Marco non avevo dubbi che se la sarebbe cavata.. una delle bimbe ha dormito tanto e con una è un filo di gas. Ha avuto un po' di problemi solo al momento di uscire, tant'è che non è uscito per niente. Della mia giornata alla spa ha avuto solo da ridire, prima che partissi e quando son tornata, che mentre lui si teneva le bimbe nella sua giornata libera, io me ne andavo a spassarmela.
Non so, forse pensava che mi provocasse sensi di colpa.. effettivamente qualcuno l'ho avuto ma solo fino a che non ho immerso i piedi in vasca.
La serata è finita con una visita di due amici, l'arrivo dei nonni, il vomitino di Ilaria e una pizza in due.
A parte il trambusto finale è stata una bella giornata.

mercoledì 4 marzo 2015

Autostima++

Oggi, non volendo, una mia collega mi ha infondato un po' di autostima.
Ci voleva, perché ultimamente, dire che mi sento una merda è dire poco e più mi trovo in questa situazione, più faccio peggio: un cane che si morde la coda, insomma!
Bè insomma, abbiamo rivangato la cena "aziendale" (pagata alla romana) di Natale e mi ha raccontato un particolare che io non ho mai saputo perché appena mangiato me ne sono tornata a casa.
Il proprietario del ristorante è un ragazzo che lavora con noi, in un altro reparto e moroso di una mia collega, il cameriere penso fosse un ragazzo che esce in compagnia con loro e mi hanno raccontato che ha chiesto il mio numero perché lo avevo particolarmente colpito.
Vero è che magari ero vestita un po' in tiro: avevo una tuta intera elegante nera e sopra finiva con un top con scollo a cuore sovrapposto da pizzo nero a coprirmi le spalle, ecco ero un po' scollacciata, ma ho le tette talmente piccole che posso permettermelo senza risultare volgare (spero).
Comunque ricordo che il cameriere era proprio un bel ragazzo e sono felice di questa notizia, non tanto per "l'occasione mancata" che mi frega meno di zero, ma per la botta di autostima che mi ha provocato.
Sento proprio il bisogno di tornare un po' in forma ma non so come fare, un'amica di blog mi ha consigliato dei mini allenamenti che dovrebbero occupare poco tempo, anche se fanno sudare come le bestie, ma questo significa trovare un'oretta tutto per me.
L'unico momento libero è quando le bimbe si addormentano, ma è proprio in quel momento che si abbassa la mannaia della stanchezza accumulata durante tutto il giorno, quindi come faccio?
Devo trovare un compromesso, ma non posso contare su nessuno.
Una volta potevo contare sui miei, ma dopo ieri sera ho deciso che chiudo ogni cosa, non mi posso permettere di farmi mortificare sempre, solo per avere un pomeriggio in cui fare la spesa e le compere con calma.

lunedì 2 marzo 2015

Aperitivo e routine

Ieri è stata l'ennesima riprova che le bambine hanno una routine e che siamo noi grandini a doverla rispettare e non pretendere che loro sia adattino ai nostri bisogni.
Detta così, non ci voleva un genio per arrivarci, è come scoprire l'acqua calda, ma ogni volta tentiamo di adattare loro a noi.
La mattina siamo stati alle Befane, ma andarci con due bambine piccole e pretendere di fare shopping è un'utopia. E' vero che ho potuto girare un po' di negozi mentre Marco mi teneva le bimbe, ma fare shopping è un'altra cosa.. passare ore nel camerino, provare e riprovare, cambiare negozio, ritornare, ripensarci ecc.. invece no, con le bimbe l'iter è differente, prima di tutto occorre fare delle scelte e cioè che negozi visitare ed escludere automaticamente gli altri.
Dopodiché sai che entrare in un negozio ha  un limite di tempo, solitamente 10 minuti, spazi con gli occhi senza soffermarti troppo, arraffi quel che puoi, vai nel camerino e provi alla velocità della luce, poi hai 10 secondi per pensare se comprare o meno.
Ieri ho lasciato il cuore in tanti pezzi che, forse, avrei acquistato se avessi avuto più tempo: una gonna che puntavo da tempo, una maglietta a poco prezzo e un vestitino al 70% , ma il tempo è tiranno e le bimbe sono "come frullatori in azione senza coperchio".
Tornati a casa, le abbiamo lasciate per fare le compere per il maschio di casa e già abbiamo scazzato il pranzo di ben un'ora e mezzo dopo.
Abbiamo pranzato anche noi, siamo stati al carnevale a Fanano, non hanno dormito quindi, e poi per un capriccio di papà siamo andati a Milano Marittima.
Premetto che Milano Marittima mi fa cagare: ci sono gli stessi negozi che trovi in romagna ma la roba costa leggermente di più, inoltre in "inverno" la maggior parte dei locali è chiusa o fa cacare.
Ma è un po' che spingeva per andarci ed è così ogni anno, quindi ci siamo andati.
Le bimbe han dormito in macchina, ma poi non hanno proseguito il sonno e quindi è stato un dramma atomico tenerle a bada, contando che eravamo lì per fare l'aperitivo, io avrei voluto vedere anche qualche negozio ma è stato praticamente impossibile visto che tutti correvano verso il locale.
Arrivati è stato un dramma, le bimbe non stavano ferme, si annoiavano, il posto non c'era, passavano macchine, ma niente da fare: l'aperitivo si doveva fare a tutti i costi!
Poi fortunatamente l'amico che era con noi si è rotto il cazzo ed ha spinto per andarsene, erano già le 19.30.
Nella macchina, durante il viaggio di ritorno, le bimbe si sono addormentate.
A casa, altro risveglio brusco per permettere loro di mangiare qualcosa, ma erano già le 21 e, a parte Ilaria, Sofia non ha voluto toccare cibo.
Abbiamo stravolto la giornata delle piccine

Forse dovremmo imparare che essere genitori significa mettere da parte i propri bisogni per occuparsi di quelli delle piccole e non sentirsi vecchi.
In particolare, io vado fiera della vita che sto facendo, non mi manca nulla, non ci facciamo mancare nulla.. cene, uscite, bevute, ma, in presenza delle bimbe, dovremmo tenere conto dei loro ritmi e non forzarle ad assumere i nostri, soprattutto perché siamo così fortunati per il fatto che dormono da sempre e non abbiamo mai avuto grossi problemi col mangiare.
Perché crearseli?