venerdì 31 luglio 2015

Aspettando un Amyko

Così quasi per gioco, ma allettata dalla presentazione letta sul blog di Cinzia, mi sono "arruolata" volontaria per provare Amyko.
Amyko è un braccialetto con tecnologia nfc che raccoglie informazioni inerenti alla nostra salute e di chi ci sta a cuore.
E' un prototipo e per chi, come me, adora la tecnologia al servizio del benessere della persona, questo bracciale è una figata pazzesca a patto che esso riesca ad entrare nella vita di ognuno di noi.
In breve, poi mi dilungherò dopo che lo avrò testato, si possono raccogliere dati sensibili e non da utilizzare in caso di pericolo sia da altri che da noi stessi.
E se non abbiamo un apparecchio nfc per leggerlo? Bella domanda, me l'ero posta anche io, ma gli ideatori hanno pensato a tutto.
Nel retro del bracciale, infatti, c'è un numero di telefono e un bar code, utilizzandoli si potrà telefonare, tramite un inoltro di chiamata, al numero che noi abbiamo impostato come principale.
Nel dubbio, se nemmeno questo bastasse, ti forniscono un biglietto da tenere nel portafoglio per segnalare che cosa fa il bracciale e chi chiamare in caso di bisogno.
Gli scenari di utilizzo sono molteplici:

  • coi propri figli: magari esponendo un numero di telefono da chiamare o, ancor più importante, se ha qualche patologia importante, segnalare terapia e cura
  • coi propri genitori: mia mamma ad esempio è altamente allergica a dei farmaci e potrei salvarci queste informazioni
  • auto aiuto: mi sono immaginata nel pieno di una corsa, in caso di aiuto, col mio stesso cellulare potrei leggere le info del bracciale e chiamare rapidamente il numero principale per poter richiedere aiuto
Penso che ci siano tantissime altre circostanze.
Vi saprò dire appena lo avrò tra le mani.


Ovviamente essendo un mio interesse, mio moroso già rema contro, come per ogni cosa a cui mostro interesse.


giovedì 30 luglio 2015

Di corsa e di ciucci

Ormai il leitmotiv delle mie giornate è: correre e ciuccio.
Speravo potessi includere anche spannolinamento, ma le bimbe non ne vogliono sapere, anzi dopo lo spavento di aver visto la sua cacca nel vasino, Sofia, ha deciso di regredire a tal punto che non mi informa più né prima né dopo la cacca.
La questione ciuccio va piuttosto bene, anzi addirittura quando mi scappa detto, tipo stamattina per dargli le goccine invece di dire "apri la bocca" ho detto "via ciuccio" (dopo due anni di abitudine) e lei mi ha risposto "ciuccio preso mascia" :D amore della mamma.
L'unico neo rimane l'addormentamento: una volta le cose erano semplici.. il sonno arrivava, loro si infilavano il ciuccio e si buttavano sui cuscini e nel giro di mezz'ora si addormentavano, in pratica alle 21.30-22 erano già stese.
Adesso invece non hanno più il trastullo del ciuccio e non hanno pace, girano come le trottole anche se è lampante che sono stanche e vorrebbero dormire, io spesso perdo la pazienza e non va bene, ma non riesco a vederle girare fino le 23 finché non crollano.
Sto cercando di scervellarmi a come fare per acchetarle subito, ho pensato al bibi col latte ma loro non lo vogliono e non l'hanno mai bevuto.
Per la questione correre, ancora procede, mi sono comprata un'ellittica nuova, in questo modo, se proprio non riesco ad andare a correre o se comunque voglio fare esercizio senza dover ritagliarmi tempo incastrando varie cose, posso usare quella.
Sto pensando anche al tapis roulant, mi sto informando, ma semmai lo comprerò devo essere sicura che la sbornia della corsa non mi sia passata e comunque la decisione la voglio rimandare a quando il tempo peggiorerà, il tappeto (uno buono) non costa poco, perciò devo essere sicura, in particolare anche capire dove metterlo.
Per il resto, a ne pos piò.
Non c'è giornata che non passa indenne dalle critiche e la cosa mi logora, ho l'impressione di sbagliare sempre tutto quanto, a tal punto che modifico il mio modo di fare in base al fatto se sono da sola o in compagnia, sta cosa non mi piace, non mi sento libera.
In particolare con le bambine, tutti a pronti a dirmi "falle due carezze, prendila in braccio..." ma se non lo faccio potrò avere i miei motivi? Anche semplicemente che non ho voglia! Non può essere? Saranno cazzi miei? Se poi è una necessità impellente, invece di farmi sentire una madre di merda, perché non te la prendi su tu e, per una volta, eviti di darmi l'ennesima umiliazione?
Così tanto per.... ogni riferimento, luogo e persona è puramente casuale...


martedì 28 luglio 2015

battesimo in Toscana

Il week-end scorso siamo stati invitati ad un battesimo in Toscana: a Monte San Savino.
Battesimo che, levati, anche Briatore sarebbe impallidito da cotanta sfarzosità.
220 invitati, catering, il tutto nel "giardinetto" di casa dei genitori del piccolo Martino.
Inizialmente eravamo stati ospitati, ma abbiamo preferito non dare impiccio visto gli enormi preparativi ai quali avrebbero dovuto far fronte e così ho cercato un bel posto per passare il sabato e la domenica; requisiti fondamentali: piscina e aria condizionata.
E così, molto per caso, ho trovato un posto stupendo Il podere del griccia, abbiamo avuto un appartamentino bellissimo, nuovissimo, la struttura ha aperto proprio a luglio e quindi eravamo tra i primissimi ospiti.
Ad attenderci un portachiavi omaggio e una crostata meravigliosa.
Per noi c'era un letto matrimoniale, per le pupe un divano letto che era perfetto perché chiuso su tre lati.
Il tempo sembrava non promettere niente bene e invece, dopo un po' di titubanza, ci siamo dati alla piscina.



Il battesimo, è stato bellissimo, le bimbe hanno scorrazzato tutto il tempo con gli altri bimbi presenti, hanno mangiato un po' e alle 22.30 sono crollate nel passeggino.
Noi ci siamo attardati fino mezzanotte e poi siamo tornati al podere.
Il giorno seguente il proprietario ci ha permesso di stare fino mezzogiorno quindi ci siamo fatti un'altra sguazzata in piscina e poi siamo ripartiti con prima tappa al ristorante, scelto anche questo in base al verde disponibile per far scorrazzare le pupe: Locanda baraccotto e la sorpresa è che c'erano le bimbe della proprietaria che si sono messe a giocare con loro quindi ci siamo goduti un pranzo quasi in totale relax.


Niente da dire.. ogni posto in Toscana è stupendo, ogni volta che capito là mi stupisco.
Tra venti giorni saremo di nuovo da quelle parti..

venerdì 24 luglio 2015

Layla one step semipermanente

Mi sono fatta trascinare da mia cognata in una spirale vertiginosa: lo smalto semipermanente.
Mi pareva un buon compromesso tra lo smalto normale che, il giorno dopo, già si sbeccava e la ricostruzione unghie che considero un po' troppo invasiva.
Come prima cosa ho comprato un fornetto a raggi UV da 36W e mi sono affidata ad Amazon, anche se ho ricercato pure sui miei affezionati Tynideal e Aliexpress, ma sul primo ho trovato offerta più vantaggiosa 13.5 euro comprese le spedizioni:



mi sono attrezzata di mattoncino buffer a 2.9 euro ma in realtà dai cinesi si trova a 0.9 di bastoncino rimuovi cuticole che sembra essere utile per rimuovere lo smalto e poi, ovviamente, ho preso lo smalto e la scelta è ricaduta su Layla one step.
Perché? Bè perché non ha bisogno di primer, base e top coat, questo significa che con una spesa iniziale di 14 euro, puoi già vedere il risultato, altrimenti comprando tutto la spesa sarebbe salita a quasi 50 euro.
Il colore che ho provato è quello di mia cognata, un bel rosso brillante, mentre per me ho preso il numero 07

Ho bufferato l'unghia per permettere allo smalto di aderire bene ed ho proceduto alla prima stesura dello smalto con 120'' in lampada uv. Il risultato già mi piaceva e non ho proseguito oltre e mi sono limitata a mettere un top coat normale (della essence).
Vi mostro il risultato nei piedi perché nelle mani l'ho già rimosso:


(Oddio che piede gonfio.. tutta colpa delle scarpe basse)
Da quello che si può vedere (foto di oggi) lo smalto ha resistito benissimo e siamo a 7 giorni esatti dall'applicazione.
Fatto sta però che, dopo tre giorni, le mie unghie delle mani erano già sbeccate, non ai livelli dello smalto normale, ma un po' di brutture si vedevano, in particolare nelle dita che uso quotidianamente di più  (indice, medio e pollice).


E così ieri ho provato a rimuoverlo in previsione del battesimo che avrò domani in Toscana.
Drammatico!
Ho tenuto a bagno le unghie nell'acetone per 7 minuti e poi ho provato a grattarlo via con le mie unghie.. nei contorni è venuto via bene, ma nel mezzo un disastro, mi sono dovuta aiutare con gli attrezzi per rimuovere le cuticole ma oltre a raschiare lo smalto è come se avessi raschiato via anche lo strato superficiale delle unghie, ci ho messo una vita ed ha fatto pure un po' male, tra l'altro il risultato è deludente perché le unghie risultano tutte macchiate


quindi è inutile pubblicizzare uno smalto 3 in 1 se poi la base è comunque essenziale per evitare le unghie multicolor.
Ora lascio respirare le mie unghie per due giorni e poi provo ad applicarne uno preso in profumeria al cap, è sempre one step e si chiama kisses; mi aspetto che macchi comunque le unghie ma se riesco mi premunisco e prendo una base.
In conclusione, l'effetto gel mi piace e gli darò altre chances, ma la rimozione è un lavoro e ad oggi ho ancora le unghie indolenzite.





Ciuccio #3: test coi nonni

Ieri è stato il giorno 3 e i nonni ci hanno chiesto di poter tenere le pupe e noi ovviamente ne abbiamo approfittato per andare a mangiare fuori.
Le raccomandazioni erano d'obbligo, via tutti i ciucci, anche quelli gioco.
Se la sono cavata bene, anche se si sono addormentate alle 23.
Ormai va così, l'orario del sonno si è drasticamente ridotto, una volta si andava a letto alle 21.30, adesso se alle 22.30 dormono è un miracolo.
L'importante è sopravvivere al no ciuccio, in questo momento, poi piano piano affronteremo anche il resto, come il pannolino...

giovedì 23 luglio 2015

Ciuccio #2

Orsù, siamo già al secondo giorno di resistenza senza ciuccio.
All'asilo non sembra essere stato un problema, dicono che comunque già da tempo lo lasciavano per poi riprenderlo al momento di andare via.
A casa nel pomeriggio ogni tanto provano a chiederlo, ma si interviene con la scusa di Masha e orso e poi si distraggono e la sera arriva "presto".
La sera è un po' più dura, nel senso che Marco si addormenta ancor prima di loro (sta lavorando duro in questi giorni) e le pupe non hanno il ciuccino consolatorio che le faceva addormentare da sole, il risultato è che da due giorni, Sofia, dopo aver pianto con lagna per qualche minuto mi cerca e dopo un po' con tante canzoncine e un po' di carezzine, si addormenta.
Il problema è Ilaria, che sembra non aver pace, gira tutto il divano, in tutte le posizione, si contorce come se fosse posseduta e, solitamente, predilige le posizioni in bilico. La cosa fastidiosa è che lo fa per una mezzora buona e, mentre ho Sofia in braccia, visto che Marco dorme, non posso tranquillizzare anche lei.
Tutto sommato, però, per le 22.30 poco più si addormentano entrambe, anche se poi la notte, almeno tre o quattro risvegli me li fanno fare.
Insomma, al momento sono troppo fiera!

La corsa prosegue, sono stata anche questa mattina (dalle 6 in poi) e, nonostante non avessi ascoltato i tempi che faccio, sono riuscita a migliorare ancora un po', ho fatto quasi 8 km in 50 minuti e qualche secondo.
La fatica è tanta e la voglia di dormire lo è ancora di più, ma sono troppo fiera quando ho finito la sessione di allenamento!
Oggi non mi sono nemmeno pesata, ma tanto so che durante la settimana perdo peso perché faccio attenzione, ma poi lo recupero tutto nel week end quando vado a mangiare fuori...

mercoledì 22 luglio 2015

Avventura ciuccio


Ieri siamo andati dalla pediatra, solita visita inutile, nel senso che le bimbe hanno un po' di sfoghi e, in famiglia, nessuno si fida del sesto senso della mamma.
E così la pediatra ha confermato tutto: macchia (o voglia) sul braccio di Sofia, sudamina per entrambe e irritazione da ciuccio sempre per entrambe.
Da qui è balenata l'idea di togliere il ciuccio, anzi Marco l'ha deciso tassativamente senza nemmeno una breve discussione, "così è, se vi pare!".
Attualmente la scelta non è ancora stata devastante, nel senso che l'hanno richiesto parecchie volte ed hanno anche provato a cercarlo, ma poi si distraevano e amen. La notte pensavo sarebbe stata devastante, invece Ilaria si è addormentata senza colpo ferire, mentre Sofia ha fatto un sacco di lagne ma solo perché voleva la Peppa e perché papà, che voleva dormire, si alzava la minacciava e le dava sculacciate, poi quando ha iniziato a cercarmi, sono riuscita ad addormentarla senza troppi problemi.
La notte non lo hanno mai chiesto o, per lo meno, nelle loro svegliate notturne, gli davo un goccio di bibi con l'acqua, e via che si ripartiva.
Se andasse così per una settimanella, i miei colleghi mi dicono che potrebbe essere fatta!
Il neo più grosso saranno i nonni, sicuramente non i miei, però!
Ma questa settimana siamo "fortunati" andremo a Firenze, quindi tenteremo di non lasciarle a dormire da loro anche se io sono praticamente sfinita.

venerdì 17 luglio 2015

Ancora correre

Mi sto impegnando a correre un giorno si e uno no, cercando di abbinare le giornate in cui vengono su mia zia e mia mamma ma, con questa afa, è sempre più dura.
Lunedì ho corso con 32.5°C ed ho visto la madonna, mercoledì addirittura con 35°C ed ho visto tutta la sacra famiglia.
Ricordandomi delle parole di mio moroso "vai a correre al mattino che è il momento migliore, alle bimbe ci penso io! Te le faccio trovare pronte", ho deciso di cogliere la palla al balzo e approfittarne per oggi.
Probabilmente Marco mai avrebbe pensato che lo avrei fatto, ecco il perché di tanto ardore.
Fatto sta che mi sono svegliata alle 5.50, alle 6 ero già vestita e sono partita.
24°C ma ho comunque sofferto il caldo, niente bocca arsa, per fortuna ed ho fatto il tempo migliore di sempre, alle 7 ero già sotto la doccia.
Dopodiché quando sono andata di sopra, sperando di trovarle già cambiate (almeno una), il mio sogno si è infranto vedendole ancora in pigiama e con il pannolino pieno.
E così via solito tram tram, mi sono pure sentita male perché non ho fatto colazione e fare gli scalini era come abbassare ulteriormente la mia pressione.
Tutto sommato mi è piaciuto anche se devo vedere come prosegue la giornata, può essere che alle 18 io svenga dal sonno.
In compenso oggi era un giorno felice per la mia bilancia: ha stranamente segnato un 53.1 storico.
C'è da dire che non faccio più la Dukan ma sto mantenendo le "buone" abitudini. Mi concedo un po' di latte scremato e caffè al mattino, uno yogurt magro a metà mattina, un pranzo a base di affettati light e latticini (ricotta light o fiocchi di latte) e poi qualcosa di dolce nel pomeriggio per arrivare alla cena libera.
Dovrei provare a correre anche domenica, anche se poi andrò a Cesena, adesso vediamo...

martedì 14 luglio 2015

Vacanza sorpresa

Per l'anniversario e il compleanno di mio moroso, ho deciso di fare tre giorni fuori porta. Per la destinazione mi ha consigliato un mio collega, Franco, che ha trovato una location spettacolare e a misura di bambini durante i suoi viaggi lavorativi.
Venerdì dopo pranzo siamo partiti per raggiungere hotel rifugio da Giulia.
Senza dilungarmi troppo sulla descrizione, il posto era praticamente perfetto: piscina per i grandi, piscina per i piccini, giochi recintati per i più piccoli e campo da pallavolo/calcio, zona barbecue e forno pizza e zona per il ristoro.
Attaccato c'era pure un buon ristorante con piatti anche a base di tartufo.
In pratica a mio moroso è piaciuto talmente tanto il posto che, nonostante le ferie già prenotate in Sardegna per le prime due settimane di settembre, ha deciso di voler fare una settimana ad agosto in questo posto.
Io non potevo essere che contenta e, le pupe, affascinate dalla piscina e dalla presenza costante di bambini come loro, pure!
Tra l'altro avevamo l'appartamento a bordo piscina con il confort delle camere: pulizia tutti i giorni e colazione.


Anche in Toscana sono andata a correre e ci sono stata pure ieri sera, il cellulare che ho attualmente non fissa i satelliti quindi so solo a spanne la distanza percorsa, non demordo, ma con questo caldo rischio di schiattare.
Dieta Dukan sospesa da una settimana, dovrei fare la brava e riprendere, ma al momento sto mantenendo solo le buone abitudini e cioè colazione al mattino, robina leggera (yogurt magro) a metà mattina e pranzetto leggero (oggi ho la frittata fatta con solo chiare d'uovo e salmone affumicato).
Il peso è risalito ma stabile a 54.5, sono pur sempre 3 kg in meno dalla partenza della dieta, ma è 1kg in più rispetto alla Dukan.

Prossimi appuntamenti per luglio: sabato cena in piscina dal socio di Marco, domenica mattina a Cesena e domani, forse forse forse, spa con le amiche (ma forse Silvia sta male).


giovedì 9 luglio 2015

Idee regalo

Ok più che idee regalo sono pensieri che butto giù per organizzare le idee e capire cosa è meglio fare.
Mi spiego meglio.. ho ripreso a far sport casalingo e vorrei monitorare i miei reali sforzi, cosa che si può fare soltanto con un gps (non dentro casa) e un qualcosa che rileva il battito cardiaco.
Detto questo sono partita da tre macro argomenti:

  1. fascia cardiaca bluetooth da interfacciare col cellulare
  2. orologio con cardiofrequenzimentro a fascia toracica
  3. smart watch o smart band con rilevazione del battito a led
FASCIA CARDIACA BLUETOOTH
47 euro
Pro: uno dei vantaggi è che chiunque va a correre ha con se il cellulare, si sa mai dovesse succedere qualcosa, quindi attrezzarsi di altri orpelli inutili potrebbe sembrare scomodo, acquistare la fascia potrebbe essere una buona soluzione. Io ho visionato la polar h7
Contro: leggo che la batteria ha una durata di 20 ore, per carità, per me significa fare 20 corse, quindi circa 10 settimane, ma è comunque poco.
Non è comodo nemmeno per monitorare costantemente le pulsazioni, ad esempio io vorrei mantenerle tra 146 e 195, ma è abbastanza complicato se si monta il cellulare nella fascia da braccio, a meno che non la si tenga nell'avambraccio (ma non ritengo sia comodissima).
In alcuni casi, per alcune app (ad es. runkeeper che è "ottimizzato" per polar h7) occorre acquistare il pro per gestire le pulsazioni e il che significa 9.9 al mese o 39 euro all'anno.

OROLOGIO CON CARDIOFREQUENZIMETRO E FASCIA
139-169 euro
Qua è necessaria una precisazione, io ho valutato un po' di aggegini elettronici e mi è caduto l'occhio principalmente su due di essi polar A300
e il polar M400
Ho visto anche il garmin forerunner e altre marche, ma non mi hanno propriamente convinto. La differenza tra i due è che il rosa non ha il modulo gps mentre il bianco si, il rosa costa trenta euro di meno, per ricaricare il rosa si può rimuovere il corpo dal guscio senza slacciarsi il bracciale e attaccarlo al pc, il rosa è più piccino ed è esteticamente migliore, il bianco è tecnicamente il migliore.
Pro: entrambi hanno in dotazione la fascia cardiaca polar h7 (il che potrebbe essere anche un contro visto che la batteria dura un niente).
Calcolano in maniera più esatta le calorie, la distanza e la velocità, il bianco lo fa in maniera puntuale grazie al gps integrato.
Puoi sempre tenere sott'occhio la frequenza cardiaca.
Analizza l'attività "sportiva" di tutto il giorno (= contapassi).
Rileva la qualità del sonno.
Misura l'attività anche in acqua (ad esempio se sto nuotando) ovviamente senza fascia cardiaca.
Contro: hai comunque dietro il cellulare ma del resto io solitamente ho anche sempre l'orologio e questo aggeggio lo rimpiazzerebbe.
La batteria dura 24 giorni se usato come orologio, 8 ore se usato con gps e fascia cardiaca

SMART WATCH O SMART BAND CON LED
Tutti i prezzi
Premesso che è la categoria che mi interessa di meno, sicuramente la rilevazione delle pulsazioni tramite led pulsante non è per niente "competitiva" rispetto alla fascia cardiaca, è molto più approssimata.
Stavo valutando un lg watch, ma ho quasi subito abbandonato l'idea anche se è un giocattolino niente male (160 euro).

Anniversario

Ieri è stato il nostro anniversario.
Siamo stati a mangiare fuori al Paradise a Misano, il posto è incantevole e il cibo lo è ancora di più.
Poi abbiamo fatto un giro a Cattolica, con solita litigata di rito.. lui pretendeva di passeggiare con la sua mano sul mio culo con un dito infilato su.. così, come se fosse una cosa normale.
Nonostante la scenata penso non abbia capito, non può aver capito, è così ogni volta.
Non so, evidentemente per le precedenti ragazze era normale passeggiare col proprio uomo mentre tenta di infilarti un dito in culo; un po' come fumarsi una sigaretta: un vezzo.
Per me no, penso sia svilente e umiliante, è come ammettere di essere un oggetto o, ancor peggio, una troia incontrata di lì a poco.
Evidentemente per lui è un segno di apprezzamento, lo spero, altrimenti reiterando continuamente il comportamento, se non fosse un gesto considerato da lui carino, vuol dire soltanto un cosa: considerazione meno di zero della persona che ha al suo fianco.
Oggi ho decisamente voglia di correre.
Come regalo per l'anniversario gli ho chiesto un orologio completo di gps e cardiofrequenzimetro, in particolare il polar m400 con fascia toracica.
Ma lui preferisce regalarmi un vestiario piuttosto che una cosa che dice di non conoscere: solita soddisfazione!
E così adesso ci sto ragionando se acquistarlo da sola, non subito, non ho i soldi, ho fatto un investimento che mi ha lasciato con poco e fra le zanzariere, l'asilo, lo statore della moto, la sorpresa per l'anniversario, ho meno della metà del mio stipendio e devo assolutamente acquistare  il cellulare nuovo perché alla samsung non me lo riparano e il dual che ho rispolverato è in pensione e la rete non va (sia mobile che cellulare).
Sto valutando un lg g4 o un huawei p8.

mercoledì 8 luglio 2015

Come non detto

Ellittica rotta, ho ripreso a correre e ieri telefonata dall'asilo..
Ilaria ha fatto due scariche brutte... taaaacc!
Preciso!
Sembra chiaro che io non debba fare sport, ma ieri non ho insistito e, appena è tornato Marco, sono andata a correre.
Tralasciamo che l'allegria che sprizzava mio moroso quando gli ho chiesto se potevo andare a correre pari a quella che poteva sprizzare se gli avessi detto che andavo a fare l'after al cocoricò montandomi tutto quello che trovavo in giro... ma vabbè poco male, io ho bisogno di scaricare.
Capisco anche lui che lavora come un cane col caldo mostruoso che fa, senza aria condizionata, lavora dieci ore al giorno, torna e si ritrova una che gli appioppa le fiole per andare a correre.
A mia discolpa c'è da dire che erano pronte: già mangiate, già pulite e pigiamate.
Anche se nessuno riesce a capire l'impegno mentale che richiede a stare con due bambine, ho deciso di fregarmene e che, quando ho bisogno, prendo e me ne vado a correre.
A correre, cazzo, mica vado a trombare, lo faccio per me, voglio vedermi di nuovo bene, anche se la mia pancia non tornerà mai più quella di prima.
Detto questo ieri sono rimasta soddisfatta dei miei 6.7 km in meno di un'ora.

martedì 7 luglio 2015

Luglio nefasto

Ok questo post potrebbe sembrare una presa per il culo, visto i problemi che ci sono al mondo.
Però sai com'è, se a qualcuno può arrecare fastidio (tipo mio moroso che non fa altro che ribadirmi che i problemi sono altri, senza capire che alle volte si può parlare anche di cazzate senza che si fermi il mondo).
Ma vabbè ormai ci ho rinunciato, le cose che posso esprimere in casa sono veramente poche e siccome sono piuttosto stanca, mi adeguo.
Detto questo.
Questo luglio è risultato piuttosto nefasto per me.
Il primo avevo una passeggiata con due amiche ed è saltato perché una di queste, la festeggiata, ha preferito starsene con il moroso (giustamente.. magari con lui si può parlare di tutto e di più..).
Il tre avevo organizzato una cena di lavoro sotto indicazione del mio capo, ma siccome i miei colleghi, non tutti eh, sono delle merde, all'ultimo da 26 si sono ritirate ben 12 persone ed ho annullato tutto quanto.
Il cinque dovevo andare a Cesena a trovare Rossella neo-mamma, ma quel giorno veniva a trovarla suo fratello siculo e quindi abbiamo preferito rimandare.
Il nove avrei un aperitivo per un mio collega neo-sposo, ma ieri, di ritorno dal viaggio nuziale ha avuto un brutto incidente e sono entrambi in ospedale, quindi, suppongo, che l'aperitivo non si faccia.
Come se non bastasse si sono rotti i cristalli liquidi al samsung e dopo nemmeno due ore mi si è rotta l'ellittica.

Quest'ultima cosa mi ha fatto altamente girare le palle.. tutte le cazzo di volte che mi impegno a far qualcosa, puntualmente succedono cose brutte.
Inizio a camminare e le bimbe han la cagarella e stanno a casa e ciao camminare; riprendono l'asilo, inizio a correre e si beccano l'influenza e ciao correre, riprendono l'asilo, inizio l'ellittica e loro si prendono la congiuntivite e ciao ellittica; riprendo l'asilo nuovamente io riprendo l'ellittica e questa si rompe.
Perfetto... ora io vorrei riprendere a correre, ma col caldo che fa in questi giorni, dalle 15 alle 15.40 è praticamente impossibile, potrei andare la sera.. ieri ho provato a chiederlo a mio moroso, senza insistere troppo, ma ovviamente la risposta è stata che è buio e potrebbero investirmi, a parte che potrebbe anche non essere una cosa così negativa, ma oltre a questo , non ho insistito sul fatto che potevo prendere la bici e andare sul lungomare: sarebbe stata vista come una gita di piacere, mentre invece, cazzo e stracazzo, sto cercando di fare di tutto per tornare a piacermi, non riesco più a guardarmi allo specchio, non sto in pace con me.
Mi sento di merda quando mangio, mi tocco continuamente la pancia ogni volta che ingerisco cose "grasse", poi mi prendono i raptus e mi lascio andare alle peggiori pietanze e poi mi pento e poi sto male e poi mi sento male!


venerdì 3 luglio 2015

Nuovi esperimenti


Ho sempre dimenticato di rendervi partecipi dei miei ultimi esperimenti in casa Dukan.
Quello della foto qua sotto è un rotolo dolce, fatto per alleviare le voglie.
Nel mio caso ci sta riuscendo benissimo, sarà la determinazione, sarà che mi sono convinta che se sgarro troppo non ottengo niente, ma questo mi basta.
La crema all'interno è semplicemente ricotta light (200g) e mezzo vasetto di yogurt 0.1 mischiato tutto insieme con 6 gocce di tic e lasciato riposare in frigo.
Il rotolo invece è fatto con due uova intere e un albume aggiunto, ho mischiato i rossi con un cucchiaio di yogurt greco, 3 cucchiai di crusca d'avena e 1 di crusca di grano, poi ho montato gli albumi a neve e li ho aggiunti all'impasto, ho messo 6 gocce di tic, una spolverata di lievito ed ho messo tutto in una teglia a 160° per 30 minuti.
Finito di cuocere, l'ho tirato fuori, ho spalmato la crema e l'ho arrotolato.
Bene quel rotolo posso mangiarlo in due giorni (per via della crusca che equivale alla razione di due giorni).
Ho provato anche la variante proteine anziché crusca, in questo modo potevo mangiarlo anche tutto in un giorno, ma non viene buono come il precedente.




L'altro esperimento fatto e riuscito è la maionese Dukan senza senape.
Ho messo 200 ml di acqua fredda e 20g di maizena (= 1 tollerato), ho messo sul fuoco e mischiato fino a che non ha raggiunto la consistenza che volevo dare alla maionese, poi ho messo un tuorlo d'uovo, un cucchiaio di aceto e un po' di limone ed ho mischiato tutto a fuoco basso.
Una variante che non ho provato è con il tuorlo sodo (forse meno pericoloso).



L'ho usata per accompagnare i gamberi, ma il giorno dopo l'ho usata per condire l'insalata di pollo ed era magnifica.

Ieri, invece ho fatto la frittata: 1 uovo intero e tre albumi, ai quali ho aggiunto salmone affumicato tritato a pezzetti piccoli e prezzemolo.
Ho cotto tutto al vapore col bimby mentre preparavo, nel boccale, il sugo di tonno per la famiglia.


Aggiornamenti sulla dieta? Bè sono in stallo, dopo la perdita di peso iniziale, dal momento in cui sono passata in crociera mi sono fermata perché mi sono concessa troppi sgarri e questa dieta è fatta in modo che se sgarri non dimagrisci, ma in compenso puoi mangiare tutto il cibo permesso nelle quantità che si desidera.
Mercoledì ho fatto una cenona altamente fuori dukan e devo ritenermi fortunata di non essere cresciuta un grammo.
Ieri mi sono concentrata sul giorno PP, oggi sono in PV ma temo che alla festa dell'asilo di questa sera svaccherò nuovamente.