giovedì 26 novembre 2015

Combattere coi mulini a vento

Non so, sarà novembre che mette tristezza, ma trovo da discorrere con tutti.
Mi viene in mente che il problema potrei essere io e, in effetti, sono molto incazzosa ultimamente perché.. lo dico? sicuri? Non me ne frega più un cazzo di niente! Sono arrivata alla stufa su tutto e basta veramente poco per stracciarmi i maroni.
Data la premessa, ieri ho trovato da discorrere con una collega e me la sono presa tantissimo perché, non è la prima volta, ti spinge a raccontare a chiunque cose tue personali, lei getta il sasso e ritira la mano del tipo "hai sentito la Sara cosa ha combinato?" e tu sei quasi costretto a raccontare cosa ti è successo.
La tiritela è andata avanti tutto il giorno, musi lunghi e addirittura un po' di lacrimnucce, poi in un qualche modo ci siamo chiarite, anche se ognuno rimane della sua idea.
Dopodiché questa mattina ho cercato di far capire in tutti i modi ad un'amica che divide l'appartamento con un'altra che la metà dei soldi che dà è per l'affitto non per lo shopping dell'amica e la diatriba è nata dal fatto che il pagamento dell'affitto è il giorno X e la sua coinquilina ha anticipato i soldi anche per lei accollandosi di tutto l'importo (e c'è solo da ringraziare), la mia amica le ha rimborsato la quota in giorno X+15 e, la sera stessa, la sua inquilina è andata a comprarsi dei tappeti per camera e salotto.
A quel punto la mia amica si è incapponita dicendo che li aveva comprati coi soldi suoi: ci vuole un bel coraggio per affermarlo e continuare a ribadirlo nonostante io le abbia spiegato più e più volte il concetto di anticipare e restituire... non che io voglia avere sempre ragione eh.. però la matematica, da che mondo e mondo, non è un'opinione.
Oggi al lavoro nuovo muro di gomma: sto organizzando la cena natalizia, fardello che mi porto dietro da ormai 6 anni. Come tutte le santissime volte c'è sempre chi rompe il cazzo che il posto non gli sta bene, ma raramente la critica è costruttiva, semplicemente vogliono cambiare location senza sbilanciarsi a proporne un'altra, com'è? Visto che non sta bene mai niente a nessuno ed io che dovrei essere "ambasciator non porta pena", invece mi becco sempre le infamate pre e post cena, ho lanciato un sondaggio, dicendo di proporre il posto nel file delle adesioni che poi la maggioranza avrebbe vinto.
Il primo cagacazzo alla fine ha battuto ritirata perché, comunque, aveva un altro compleanno (e noi ce ne faremo una ragione), l'altra ancora non si è pronunciata e domani scade il termine della scelta, dopodiché si andrà nel posto preventivamente concordato.
Ci faccio o ci sono?
Ma è così difficile stare al mondo?
Poi che io mi prenda a cuore le cose anche un po' troppo, questo è vero, però dai!

mercoledì 25 novembre 2015

Giornata intensa

A posto.. Obama sostiene "li turchi"  e cioè trovano giusto il fatto che abbiano bombardato i russi per difendersi.. il puzzle sta per concludersi, direi che l'Isis ha fatto un bel lavoro, ci stiamo facendo la guerra da soli senza più bisogno di loro che poi, se vogliamo essere complottisti, l'Isis stessa potrebbe essere frutto di qualche altro mandante....
Nel mentre.. anche l'attentato a Tunisi, credo di aver paura solo io.. ma penso che arriveranno presto anche da noi.

Tornando al quotidiano, al lavoro siamo sotto rilascio, quindi sono giorni concitati, poi per mantenere un po' di coscienza pulita, alle 14.30 in punto stacco e "corro" a casa per correre, faccio i soliti 5 km, doccia fugace e via a prendere le bimbe.
E' stato più complicato del solito, ci sono delle giornate che proprio non so come prenderle, i "no" non fanno breccia su di loro, li ignorano e mi ignorano e quando provo a far capire loro che un no va rispettato, mi fanno le boccacce e continuano per la loro strada e così inizio con l'alzare la voce e portarle verso il cancello. Tragedia!
Si impuntano si buttano per terra, non scendono le scale, da sola, con la manina, il pony, la bambolina, la foglia, le pigne, ogni cosa che provo non sortisce effetto, così me le carico una alla volta e via in macchina (anche qui tragedie perché vorrebbero salire da sole, ma quando glielo permetto non salgono e via così per un ciclo infinito).
Insomma 16.20 a casa, ho dato loro una banana e. solite tragedie di Ilaria, banana si, banana no, si, no, si, no...
16.40 Sofia ha finito la banana, Ilaria si è arresa a metà, mi chiama Marco, mi organizzo e le porto verso la pediatra senza però prima aver evitato i capricci per voler andare a tutti i cosi sull'altalena.
Ignorate bellamente, dopo aver spiegato che ci aspettava papà e caricate in macchina piangenti, la lagna si è spostata sulla banana lasciata a metà di Ilaria (che ho furbamente portato con me).
Arrivati dalla pediatra siamo entrati, la visita dalla pediatra è traumatica non ci piace proprio, ma ce la siamo cavati con poco, dopodiché passeggiata in farmacia e prendi la pigna, e prendi la principessa, uh guarda gli animali, io voglio la palla... Usciti dalla farmacia siamo tornati in macchine, io voglio stare in braccio, io pure, io scendere, io in braccio...
Grazie a Dio siamo arrivati incolumi a casa 18.30.
Ho dato loro le carte memory dell'Ikea (regalo dei nonni) e si sono trastullate.
Nel mentre ho preparato la cena "dietetica": pasta sfoglia mozzarella, peperoni, cipolla e salsiccia, ho pulito il merluzzo per le bimbe, liberato la lavastoviglie, predisposto il bimby per il pesce e il riso, sistemato le medicine, preparato l'insalata con carne salada per il pranzo al lavoro del giorno successivo e... erano già le 19.20.
Mi sono seduta 10 minuti con le pupe e poi è arrivato Marco, ho iniziato a cucinare per le bimbe, e messa la pasta sfoglia nel forno per noi.
Abbiamo dato da mangiare alle belve, Marco ha pulito tutto, io ho tagliato la nostra cena e, alle 21, abbiamo mangiato.
Finito di mangiare, cambia Ilaria, cambia Sofia, metti loro il pigiama, sparecchia le cose della cena, metti il pigiama, prepara il cambio per le pupe ed erano già le 21.30.
Mi sono messa sul divano e sono piombata nel sonno.
E' che non ci si fa caso, appena uno racconta che fa il part-time, chissà perché tutti a pensare che non faccio un cazzo, che ho sempre tanto tempo libero per fare chissà cosa. Che.. beata te!
Anche al lavoro sembra che tutti la pensino così, visto che vorrebbero togliermi il part-time (un'altra volta..).



martedì 24 novembre 2015

La guerra si avvicina

Aereo militare russo abbattuto dai turchi per violazione dello spazio aereo, dite quel che vi pare ma Putin non è Renzi e questa non la manderà giù..
L'attentatore Salah non si trova... cazzo.. due minuti dopo l'attentato sapevano tutto di tutti i kamikaze, anche quanti peli del culo avevano e non riescono a beccare un solo uomo; speriamo che lo venga a cercare l'Isis bollandolo come vigliacco visto che non si è fatto esplodere!
Di contro vendiamo bombe e armi ai "nemici" (anche se già il fatto che lo dica Grillo, mi perplime un attimo), mentre ai poliziotti diamo proiettili difettosi, ma complimenti, che figurone!
Siamo allo sbando totale, tra l'altro non ho ancora capito la posizione della Germania, sempre pronta a farsi figa quando è ora di affondare un paese alleato della UE, ma assente in decisione di fattura un po' più delicata.
Ma dopotutto che ci frega a noi? Amal e Clooney stanno per diventare genitori, questo è importante!

In compenso, ieri, ho finalmente fatto la mia mezzora di corsa tenendo un ritmo di 10 km/h, quando mancavano sei minuti ho pensato che l'infarto sarebbe arrivato presto, ma ho resistito. Oggi provo a fare il bis.
Ieri ho potuto provare l'ebrezza di un compagno che torna "il giusto" la sera, come se fosse un operaio.. è troppo bello, peccato che poi sono partite le solite discussioni, guardi sempre il cellulare, non stai mai dietro alle bimbe, non le fai mai giocare, levati! è meglio che vai alla spa che là stai meglio di sicuro (premesso che vado alla spa tre volte all'anno: mio compleanno e i due compleanni delle mie migliori amiche), ma del resto quando uno non sa che cosa dire si appella sempre a tutto.
Fatto sta che le bimbe con lui si divertono, le fa volare, le fa girare, le fa ridere, ci fa un sacco di corse a mo' di sacco di patate.. i miei giochi sono più statici: colorare, giocare a carte, leggere libri.. col mal di schiena che ho e con la forza da formica che mi ritrovo col cazzo che riesco a tirare su 25 kg di bambine! Però, guarda caso, nonostante io sia la più merda delle madri, che non faccio altro che gozzovigliare, abbandonando le bimbe a loro stesse.. quando è ora delle coccole e della nanna cercano soltanto la mamma.
Strano eh.. 

Ieri non sono riuscita ad alzarmi nemmeno per cenare, ma quando va così la mattina mi sento meglio, più sgonfia e con meno appetito del solito, tra l'altro spizzicando in continuazione, non avrei proprio bisogno di mangiare..

venerdì 20 novembre 2015

Pubblicità e considerazioni

Dunque, il Natale si avvicina, come ogni anno a me viene l'ansia appena vedo l'1 di novembre e il mio cervello si arrovella a più non posso.
Quest'anno mi sono portata in vantaggio riuscendo a fare quei 4 regali alle persone che reputo più complicate, in pratica ormai il Natale per me è in discesa.
Ho già stabilito anche il regalo per la donna delle pulizie e, probabilmente anche per mia zia che. ormai da tempo, mi aiuta nella gestione delle bimbe una volta a settimana (mi chiedo chi glielo faccia fare...).
Sta di fatto che, senza di lei, difficilmente riuscirei a fare qualcosa durante la settimana, anche se si tratta semplicemente di riacquistare auto controllo dopo n-giornate intense.
Detto questo, non saprei cosa interesserebbe a me.. fino a due giorni fa, avrei detto il miband s1, ma viste le ultime indiscrezioni non saprei, anche se la curiosità è tanta.

Detto questo, mi è sorta una considerazione.. ho un sacco di amiche che sono molto credenti e devote a Dio, non le ho sentite esprimere nessun giudizio in merito a Parigi e alle altre stragi che si sono susseguite in questi giorni, l'ultima quella oggi di Mali che, attualmente si parla ancora di ostaggi, per il resto non fanno altro che blaterare cose e fatti, quasi a farti capire che le migliori sono loro, tu sei solo una peccatrice e finirai all'inferno.
Poi, però, proprio loro, appena possono te lo mettono in quel posto col sorriso sulle labbra o si comportano in modo non consono agli occhi di tutti.
Detto questo.. potrei benissimo farmi i cazzi miei.. in effetti.. non fa una piega!

martedì 17 novembre 2015

Chi è il terrorista, adesso?


#siamotuttidellemerde

Terza guerra mondiale

Perfetto, la dichiarazione di Putin, che ancora devo capire se è una fonte attendibile, non ammette disambiguazione: bombarderemo l'Isis con il nucleare!
Ci mancava, era nell'aria da un po'...
E per non farci mancare proprio nulla, ecco che Nostradamus, cinque secoli fa, ci mette pure il carico:
La grande guerra inizierà in Francia e poi tutta l’Europa sarà colpita, lunga e terribile essa sarà per tutti….poi finalmente verrà la pace ma in pochi ne potranno godere.

Ci saranno tanti cavalli dei cosacchi che berranno nelle fontane di Roma.

Sarà invasa e finirà in un gigantesco maremoto:
Oh, vasta Roma, la tua rovina si avvicina.
Il tuo male è prossimo.
Sarai prigioniera per più di quattro volte.
Piango per l’Italia. Sarà distrutta da un terremoto e da bombe:
fuoco del centro della terra…
la farà tremare.
Finché due potenze fanno la guerra
per lungo tempo.
Il cielo arderà a 45 gradi.
Il fuoco si avvicina…
la gran fiamma salterà subito.

Amen caro Nostradamus.. Credo che a breve partirà la frenesia, impazziremo tutti, un po' come per il millenium bug ma molto peggio. La nota positiva è che l'argomento vaccini verrà finalmente abbandonato dopo aver cavalcato a lungo l'onda mediatica.
Devo essere onesta, ho paura.

Ho paura perché ero arrivata ad avere una certa tranquillità ed ora è di nuovo tutto in discussione, ho paura perché.. cosa lascerò alle mie figlie? Ho paura perché se dovesse succedere, le mie bimbe che colpa ne hanno se questo mondo è arrivato ad uno schifo di queste dimensioni?

Ma ho tanta rabbia perché ce lo siamo cercati, perché non abbiamo fatto altro che dare noia a quel popolo in Siria, solo per avere l'egemonia dell'oro nero. Ho rabbia perché parliamo di pace e ammoniamo i terroristi, mentre poi siamo noi la mano che li rifornisce di armi e di soldi per farci la guerra. Ho rabbia perché i terroristi hanno ucciso tante persone innocenti, lo Stato colpito, invece di capire lo strazio e il dolore che si prova, hanno risposto pane al pane ed hanno fatto strage di altri innocenti. Chi è il terrorista, quindi?
Ho rabbia perché facciamo sommosse popolari per un motogp poco chiaro e continuiamo a vivere sommessi nonostante la percezione che la guerra mondiale sia dietro l'angolo.
Ho rabbia perché abbiamo una faccia di merda che ci rappresenta, con quel sorriso di plastica a stringer mani all'Arabia Saudita..

Ho smesso di credere in Dio ormai, e penso di aver fatto bene, non mi illudo in qualcosa che ci salverà senza far nulla, ma soprattutto non credo che, se un Dio qualsiasi esistesse, sarebbe capace di permettere questi abomini, girano foto significative sul web.. bimbi francesi, siriani, kenioti morti per una guerra che non hanno voluto, per una guerra di cui non conoscono nemmeno il senso.
Dovremmo tornare ad essere bambini, loro hanno capito come va presa la vita, siamo noi le merde che cerchiamo di modificare il loro pensiero e trasformarli nelle persone da cazzo che siamo!

lunedì 16 novembre 2015

Calore invernale

Ieri ho avvertito l'inverno grazie alla nostra prima cena in compagnia in taverna col fuoco acceso.
Prima ho corso un po', ho voluto provare l'ebrezza dei 10 km, ma col camino acceso e col moroso che non si rilassa nemmeno se gli spari in fronte, non è stato semplice: il mio battito cardiaco altalenava su e giù.
Solo per un momento, fissando il fuoco, pensando ad altro, sono riuscita a correre sotto i 150 bpm, poi niente quattro incazzature ed ho sforato i 175.
Le bimbe si sono divertite tanto, sono state bravissime e sono riuscita a fare un patto di non belligeranza con Ilaria, mi sto impegnando tantissimo per cercare di capire quella bambina, ma in un modo o nell'altro, riesce a farmi impazzire.
Non so cosa sia andato storto con lei, ma vuole una cosa poi no, la rivuole, poi no, la porti via si mette a piangere e a fare da matti, che tra l'altro a me non impietosisce, quando inizia questa tiritera la faccio sfogare e non la cago. Il problema è quando lo fa che c'è anche suo padre (e credo lo sappia che sia un problema per me), perché lui inizia a dirmi che non ho cuore, che sono una merda, che la bambina piange... col risultato che mi girano ancor di più i coglioni e mi tocca andar contro a quel che ho fatto tutta la settimana: cercare di non assecondare i suoi capricci!
Ha bisogno di attenzioni, di conferme costante, di coccole, di sorrisi.. ieri è andata molto meglio, spero possa continuare così.
Ah.. altro esperimento.. ho messo il semipermanente cinese, ma questa volta ho aspettato che mi ricrescessero quasi per bene le unghie e poi non le ho bufferate.. non dovrebbe durare nulla, ma siamo già al terzo giorno e sembrano ancora ok.


giovedì 12 novembre 2015

L'ormone risorge

Chissà che cosa si può fraintendere da questo titolo...
Fatto sta, che da quando devo seguire una cura, che ancora durerà per un po', una delle direttive è interrompere la pillola, anzi mi è stato suggerito che se riuscissi a sopravvivere ai dolori, sarebbe meglio non riprenderla più.
Gli effetti collaterali della dismissione della pillola sono molteplici e me ne sto accorgendo a 12 giorni di non assunzione:

  1. primo fra tutti il mio sudore. Fa una puzza indicibile, sembra che io non mi lavi da almeno 2 settimane. Non riesco a starmi vicino nemmeno io, nonostante il super deodorante in crema Dermogella.
  2. secondo e non banale, visto che dovrò andare alla spa con le amiche, è che il pelo sta ricrescendo folto e rigoglioso "merito" del mio accentuato ormone maschile che mi accompagna da quando sono nata dovuto all'ovaio policistico
  3. terzo ma ad intermittenza, mi capita di avere delle voglie strane durante la giornata, l'ormone è impazzito e riesco a trovare interessanti anche i cessi ambulanti, solo le bimbe riescono a spegnere tutto questo ben di Dio e non è una cosa piacevole visto che potrei mettere in atto questo punto tre col moroso.
La uno e la due mi fanno pensare che dovrei rincominciare presto a discapito del poter incorrere nuovamente alle mie solite infezioni.
To be or not to be? This is the question!

mercoledì 11 novembre 2015

Delusione calorie e similari

C.V.D.
Questa mattina la bilancia mi ha dato un triste responso.. peso esattamente 1 kg e mezzo in più di quando ho deciso di intraprendere la mia mezzora di corsa quotidiana.
Sono molto demoralizzata, non riesco a capire, brucio in media 330 kcal al giorno, 2310 kcal alla settimana, devo per forza aver modificato le mie abitudini alimentari altrimenti proprio non si spiega.
Per esempio, prendiamo oggi, ho bevuto un cappuccio senza zucchero (80 kcal) con 4 gocciole (180 kcal) e, come spuntino di metà mattina, il maledetto Cereal-Yo (230 kcal), quindi siamo già a 480 kcal.
Ora, visto che il mio pranzo consiste in: una mela piccola, uno yogurt intero naturale e, nel caso il mio stomaco non fosse sazio un pacco di cracker con riso soffiato, ingurgiterò altre 90 + 80 + 120 quindi 290 kcal.
Questo significa che tra colazione, spuntino e pranzo non ho assimilato nemmeno 1000 kcal, siamo a 770, a questo punto io torno a casa, corro e brucio 330 kcal, poi reintegro i sali con una bevanda specifica (6 kcal), quindi ad essere pignoli siamo a 446.
Da qui in poi non ho più controllo delle calorie, perché ho la cena libera e perché mi capita di spizzicare al più una gocciola, una fetta biscottata o un mandarino.
Insomma essendo ristretti con le calorie ne avrei altre 900 da ingurgitare per rimanere sulle 1400 kcal giornaliere.
Dovrei ridurre ulteriormente? Riproverò a rincominciare con latte 0,1%, biscotti secchi e niente spuntino con Cereal-Yo, ma mi sembra una cosa troppo mortificante.
E' che poi a me queste cose mi danno delle batoste mastodontiche, già oggi ho la voglia sotto i piedi di fuggire a casa, svestirmi, vestirmi, mettermi a correre, sudare e poi rivestirmi senza nemmeno aver tempo di fare la doccia, prendere le bimbe, portarle a casa, provare a concedermi una doccia e poi sclerare con loro.
Tra l'altro mi sono resa conto di aver raggiunto anche il limite, sono esaurita, mi sento irritabile, sono nervosa, sono stanca, sono sconfitta, da quando mi sveglio, fino alla sera, vorrei non dover interagire con nessuno, vorrei rinchiudermi da qualche parte e starmene lì in silenzio senza farmi trovare; invece devo raccogliere quel poco di pazienza e comprensione rimastami e andare avanti e fare tutto quello che faccio tutti i giorni.. poi arrivo all'asilo e tac, già la mia pazienza finisce e la comprensione la segue a ruota.



martedì 10 novembre 2015

Ancora reggo

Sono quasi due settimane che ho l'impegno di correre tutti i giorni per almeno mezz'ora, non c'è sabato o domenica che tenga, fino ad ora ho comunque ritagliato del tempo per correre.
Da quando ho incominciato non mi sono più pesata, ma soltanto l'idea di iniziare a fare attività sportiva, mi ha fatto ingrassare 1 kg e mezzo.
Un po' come se mi rilassassi e mi dicessi "ehi vai tranquilla, tanto poi forse butti giù".
E' quel forse sibillino in mezzo alla frase che, lì per lì, non lo noti ma che poi fa la differenza.
Insomma, mercoledì proverò a pesarmi, magari un po' di massa muscolare l'ho messa su, dopo due mesi di divano assoluto, ma se dovessi trovarmi ancora più ingrassata l'avvilimento sarebbe al top, ecco perché sto tergiversando sulla pesa.
Il pranzo lo limito come al solito, ma quella panza floscia, proprio non ha nessuna intenzione di rientrare.
Sto facendo dei sacrifici che una volta non riuscivo nemmeno ad immaginare, eppure l'impegno che ci sto mettendo, da quando non riesco più a guardarmi allo specchio, è tanto.
Talmente tanto che, fra le bimbe, la corsa e i pensieri, a fine serata sono completamente prosciugata.
Correre mi dà energia, ma anche tanta ansia, perché ho 40 minuti di pausa e, correndone 30, sono tutta di corsa fra doccia e asilo delle bimbe, vorrei avere molto più tempo per me, ma poi quando ce l'ho, ho sempre altro da fare e, anche se non avessi nulla, mi sento in colpa ad andare in giro sapendo le bimbe a casa con qualcuno, in particolare perché sono troppo birbe e non danno tregua un attimo.

venerdì 6 novembre 2015

Post consapevole: vaccinazioni

E' sempre difficile parlare di certe cose, nel senso che se ne sentono di ogni, ma quando uno ha a che fare con la pelle dei propri figli è sempre difficile scegliere.
Io le mie bimbe le ho vaccinate, ho fatto sia i vaccini obbligatori, sia tutti quelli facoltativi, non sono una mamma incosciente: al momento del vaccino sono stata anche in apprensione, ma credo di essere una mamma consapevole.
Mi fido della scienza, mi fido della ricerca e soprattutto mi fido sui dati che posso toccare e verificare con mano di tutto quello che questo campo ha potuto fare con le malattie.
L'esempio che riporto, tra tutti, è la scomparsa di quei bruttissimi polmoni d'acciaio ai quali, molti bambini, erano obbligati a vita a causa della poliomelite.


C'è chi urla ai complotti, ma da che mondo e mondo, molte delle malattie sono state debellate. Se il non vaccinare non portasse nessuna conseguenza.. chissene..
Il problema è che se non esiste più il fenomeno gregge, piano piano qualcuno che si ammala, porta malattie in casa e magari, il fratello o la sorella, non ancora in età vaccinabile, si becca su la malattia con conseguenze anche mortali (già due casi di pertosse mortali in questi mesi).
Molte mamme antivaccino dovrebbero ringraziare sentitamente se, i loro figli, frequentano asili con bimbi vaccinati.
Mi fa incazzare che basta un qualunquista che alza il polverone e tutte le capre dietro a beccare e a ampliare di più l'eco del salutista senza minimamente guardare a dati tecnici e statistici e, soprattutto, quando gli si fa notare qualcosa, come ultima sponda, quando non si sa che ribattere, se ne escono con la parola complottista.
A me fa ridere, perché solitamente, senza voler generalizzare, chi ha questa idea, segue anche l'omeopatia... accusa le cause farmaceutiche di inoculare vaccini dannosi per poi far ammalare i bambini o gli adulti che saranno, per poi assicurarsi una clientela fidelizzata per i suoi farmaci e poi, lo stesso salutista, va in farmacia e acquista medicine omeopatiche che costano un occhio della testa, senza bugiardino e senza efficacia provata; anzi vogliamo parlare dell'Osciloccocinum (antinfluenzale omeopatico più famoso)? Lo stesso creatore ha ammesso che non erano altro che palline di zucchero e lo si deduceva dal fatto che un 1g di componente conteneva 1g di zucchero.
Ma in quanti salutisti hanno letto la composizione? 
Il medicinale omeopatico ha comunque funzionato? Ringrazia il tuo cervellino minuscolo che ha innescato l'effetto placebo.


Come ancora di salvezza si tira fuori allora o il thimerosal dannoso per la salute o l'autismo.
Per il Thimerosal c'è da dire che che non viene più inoculato nei vaccini, e qui tutti gli anti-vaccinisti a puntare il dito! Bè purtroppo gli errori succedono, anche nella scienza, si usano le cavie apposta per vedere che effetti può avere una certa cosa (e qua gli animalisti si scatenano.. allora perché non facciamo così: salviamo gli animali e ci mettiamo i vostri figli come cavia), ovviamente poi qualcosa può sfuggire.. ed è ovvio che se un errore succede ad un muratore, potrai avere al massimo un muro storto, ma nel caso della medicina sarebbe meglio non avere errori, ma errare è umano.
Tra l'altro il thimerosal è usato come conservante per le lenti a contatto, questo significa che l'occhio essendo molto vascolarizzato, assume in una maniera impressionante quel componente, qualche utilizzatore di lenti a contatto è diventato autistico? Maddai!!
Sull'autismo non vorrei nemmeno esprimermi, tant'è ridicola la faccenda... prima di tutto delle ricerche scientifiche hanno evidenziato che l'autismo si sviluppa fin dal feto ma che, per come evolve si nota soltanto intorno ai 3/4 mesi, guarda caso proprio la fascia di età del primo vaccino.
Inoltre altro fattore importantissimo, nessuno reagisce allo stesso modo alle sostanze, questo significa che qualche problema a causa dei vaccini è purtroppo da mettere in conto, ma la stessa cosa vale per qualsiasi cosa. Avete mai provato a dare un crostaceo ad un bimbo allergico ai crostacei? Bè il principio è quello.. a molti non fa male, a pochi è letale.
Adesso c'è la questione se non ti vaccini non vai a scuola. Forse la cosa è un po' drastica, perché in fondo il diritto all'istruzione è fondamentale. Soprattutto perché un genitore invasato, piuttosto che vaccinare il figlio deciderà di non mandarlo a scuola, allora sì che torniamo al medioevo!

Perché non vi soffermate a leggere questo blog qua? Dice la sua come lo fa qualsiasi sito antivaccino, ma almeno qua trovate prove ed evidenze che giustificano ciò di cui si parla...



mercoledì 4 novembre 2015

Inverno e influenza

Nemmeno sono iniziati i primi freddi e noi siamo già sotto con la tosse, il raffreddore tutto quello che ne consegue.
Dalla seconda settimana di ottobre le pupe sono state colpite dal solito muco che, di conseguenza, scendendo in gola procurava loro tosse notturna e, piano piano, si è trasformata in bronchite (solo per Sofia).
E così.. almeno 10 giorni di aerosol col clenil, lavaggi nasali, gocce e antibiotico per Sofia; il che equivale a svegliarsi un po' prima al mattino ed essere mega organizzati e in questo Marco non si tira mai indietro.
Bene.. passata l'ondata, pensavamo di stare tranquilli per un po'.. invece nemmeno una settimana e di nuovo tutto da capo al momento senza antibiotico ma con la sfiga di dover dare delle bustine come prevenzione Onaka.
Non so com'è ma sta prevenzione mi puzza un po' di soldi facili, non che io sia una di quelle che grida al complotto, ma sicuramente credo nella scienza, ma in medicine che promettono una stimolazione del sistema immunitario non saprei... (a meno che non hanno in sé un po' di batterio).
Fatto sta che 20 bustine che durano 20 giorni, costano 29 euro e va fatto per almeno 3 mesi.
Forse se avessi allattato, se riuscissi ad essere costanti nel lavare loro il naso e nel fargli il bagno come spurgo tutti i giorni.. probabilmente non avrebbero tutto questo da fare (e noi con loro).. solo che stare dietro a due mi viene difficile un bel po'.
Non sono fatta per fare la mamma e la cosa mi rattrista un bel po'.
Oggi le porto al centro per le famiglie, almeno si potranno divertire con altri bimbi, con me penso che si divertano ben poco anche perché appena sono a casa, ho sempre qualcosa da fare e la tv la uso come migliore alleata.
Poi andrò dai miei, Dio ti ringrazio per l'invenzione dei nonni...