giovedì 21 luglio 2016

Zia #2

Ieri si sono accumulate una serie di cose.
Mia cognata aveva lo scollamento al mattino e io il dentista il pomeriggio.
Le ho detto di tenere duro, di non farmi lo scherzo proprio mentre ero sotto il trapano.
Mia zia, invece, era con le bimbe.
Mi sono sfogata con lei, porella, oltre a tenermi le bimbe che in questi giorni sono ingestibili, si deve beccare anche le mie uscite.
Le ho raccontato del fatto che mio padre mi ha rinfacciato che non li ho né accompagnati, né andati a prendere dalla montagna, aggiungendo che loro per me si sbattono in ogni modo.
Mia zia, che più di tanto non può dire, c'è rimasta piuttosto male e mi ha detto che conosce nonni che fanno molto di più di quello che fanno i miei, mentre al contrario, non conosce nessuno che ne fa meno o uguale.
In fondo sono figlia unica, i miei sono in pensione da una vita ('96 mio padre, 2000 mia madre), per carità ognuno ha la sua vita e pretendere non è mai cosa buona e giusta, però..
Tanto per capirci, i miei abitano a 1 km e mezzo da dove c'è il punto di incontro per la montagna, l'orario dell'incontro era le 6.15 di mattina. A parte che mi avevano raccontato che sarebbero andati in taxi, mio padre mi rinfaccia il fatto che io non mi sia svegliata alle 5, lasciato le bimbe dormire, preso la macchina, fatto 20 km per prendere i miei, caricarli su, fare 1km e mezzo, lasciarli, salutarli, rifare 20 km per tornare a casa, preparare le bimbe, portarle all'asilo e rifare 20 km per tornare al lavoro.
In più mi rinfaccia che io non sia venuta a prenderli la sera alle 20.30 sempre per percorrere quel km e mezzo (da precisare che in montagna non hanno fatto altro che camminare.. altroché 1 km e mezzo), quando loro non mi han chiesto né fatto sapere nulla sul ritorno.
Aggiungendo che tutti gli altri partecipanti della gita avevano i figli ad aspettarli al ritorno.
Detto questo ha proferito che loro si fanno in quattro per me: il loro farsi in 4 consta nello stare due ore alla settimana con le nipoti, per lo più arrabbiandosi e fuggendo fuori col cane, mentre io faccio le mie commissioni. Senza contare il disagio che mi procureranno le prime due settimane di settembre ritornando nuovamente in montagna...
Uh che impegno mastodontico, proprio massacrante fare i nonni due ore a settimana!
A questo punto dirò loro di venire solo quando hanno piacere e non pensando di fare un favore a me, perché è vero che è ANCHE un favore, ma è anche vero che sono le loro uniche nipoti e dovrebbe essere un piacere.

Nel pomeriggio sul tardi, invece, scopro che è nato Nicolas, quindi sono zia per la seconda volta e, oggi, dopo il lavoro, andremo su tutti insieme a trovare questo nuovo nipotino!

In più mi sono cimentata in un pan briosche, avevo il lievito scaduto da tre giorni, di solito non mi lievita nulla, quindi ho deciso di sprecare il meno possibile.
Lo faccio, lo metto in forno a lievitare e... cazzo triplica!
Lo farcisco, faccio la treccia e...


Impressionante..
Ho messo le pupe a dormire, mio moroso fuori con gli amici a bere qualcosa e mi sono messa a cuocere il dolcetto con la nutella intorno alle 23.
Il risultato è stato questo:


Le pupe lo hanno apprezzato tanto questa mattina, sembrava un panino al latte molto buono, non pensavo.

Ah tra l'altro ieri ho fatto un esperimento per cena.. in pratica ho fatto l'impasto dei passatelli, steso a pizza e cotto in padella (tipo frittata), ne è uscita una frittella buonissima che le pupe hanno spazzolato in men che non si dica.
Ieri l'estro era con me!

11 pensierini:

Nia ha detto...

I tuoi genitori sono molto particolari, c'è comunque chi fa ancora meno, te lo assicuro. Purtroppo c'è chi segue il ragionamento "hai voluto i figli, ora ti arrangi". A prescindere, sfogarsi fa sempre bene a chi si sfoga, un po' meno a chi si trova sulla nostra strada nel momento "giusto"

GiorgiaLand ha detto...

No, non ti stai comportando per niente bene. Innanzitutto non puoi postare le foto di questa meraviglia e non mettere la ricetta, non si fa!
Secondo, per me hai fatto bene a non spararti sei mila km per non fargli fare 1 km di strada....però forse loro volevano l'esibizione della brava figlia che li porta e li prende più che non fare quella camminata...
Infine...se rompono le scatole per quelle due ore, investi in baby sitter/serenità!

Sara Scavolini ha detto...

Nia: sarà che sono portata a vedere sempre quello che mi piacerebbe, ma il fatto che sono figlia unica e le uniche nipoti, qualcosa in più mi aspetterei! Probabilmente ho aspettative troppo alte.
GiorgiaLand: si può essere che gli sia mancata "l'esposizione della figlia in mostra.." per la ricetta ho seguito quella del bimby ufficiale :D
e sono d'accordo con te su baby sitter/serenità.

Nia ha detto...

No io penso sia questione di fortuna. Ci sono nonni che non danno una mano a prescindere, che abbiano uno o dieci nipoti poco cambia. Comunque congratulazioni alla mammina :)

Simona Cenni ha detto...

Ragazze,mi sa che io vinco il primo premio...devo subire un intervento d'urgenza DOMANI ed ho dovuto lasciare la bimba a mia suocera. Ma proprio trasferita! Non la vedo da 3 giorni e chissà tra quanto la potrò rivedere...mi sarei impiccata piuttosto che lasciarla a lei,ma mia mamma ha quasi 80 anni e nonostante la volontà di ferro è tutta scassata fisicamente...cosa potevo fare? Non avevo alternative...la suocera asina ed indolente,nonostante l'emergenza,mi ha fatto un sacco di storie xchè non la voleva tenere...io davvero non lo so cosa mi abbia trattenuto dal non ammazzarla...probabilmente la prospettiva dell'ergastolo..cmq scusate lo sfogo e l'appropriazione indebita di spazi altrui...e bravissima Sara,come sempre!!!! La ricetta dal panbriosche la devi proprio passare!!!:)

Simona Cenni ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Sara Scavolini ha detto...

simo però, come dici tu, tua mamma non riesce fisicamente.. da me sono in due e vanno per monti a passeggiare, tenere due bimbe è faticoso, ma le forze le hanno...
Ok, domani la ricetta!

Simona Cenni ha detto...

Sara,mia suocera per le sue minchiate ha sempre tempo,x tenere la nipote fa un sacco di gnole. Io di mio non amo chiedere,non sono abituata,ma questa è un'emergenza:tu sei costretta a prendere ferie che ti servirebbero come il pane se ti levano il part time,io mi devo operare. Mah...non lo so...forse io e te diamo le cose x scontato oppure più semplicemente abbiamo dei parenti menefreghisti. Mi dispiace x te che ti trovi sempre in situazioni simili,io di mio in questi giorni sono incazzata come un puma. Un bacione!

Simona Cenni ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Tu ti smazzi pure le ricette e la buona cucina????????????sarà per passione ma immagino che lavi tu il pentolame dopo..................nono io faccio già abbastanza in cucina solo il minimo indispensabile!!!!

Sara Scavolini ha detto...

Simona: ho capito il tuo discorso, hai ragione pienamente, ma la differenze è suocera/genitori. Nel senso che tua suocera in fondo non è tua madre, da una madre (o padre) mi aspetterei un po' più di empatia con la figlia e le nipoti, giusto più che sono le uniche nipoti! Per dirti, lo vedo da me.. mia suocera è iper premurosa con sua figlia, negli ultimi giorni prima del parto era sempre con lei, si sincerava di ogni cosa, adesso scommetto che il primo mese sarà a sua completa disposizione: è sua figlia cappero!
Io questo "servizio" da parte dei miei non l'ho vissuto, è più presente mia zia (che viene da sola a tenermi le bimbe) e che potrebbe fare altro, anziché i miei.
Anonimo: il pan briosche l'ho fatto col bimby e poi dopo c'è sempre la lavastoviglie :P rimane il fatto che ci vuole tempo, però ogni tanto ci sta! Soprattutto quando le pupe dopo mi fanno l'applauso tutte sporche fino ai capelli di nutella!

Posta un commento