venerdì 11 novembre 2016

Colloqui

Pensavo che la varicella potesse durare un pochettino meno, speravo di poter portare Ilaria venerdì pomeriggio dalla pediatra, tenersi altri due giorni di margine del week end e farla tornare all'asilo lunedì.
Invece ieri ho verificato ed ho visto che ha ancora qualche bollicina "fresca" in particolare sui piedi e in mezzo alle dita, il punto che prende meno aria di tutti.
Per carità non è stata una malattia sfiancante per lei, ma lo è stata per i ritmi familiari.
Prima di tutto per Sofia che l'andare a scuola da sola e col papà la sta vivendo malissimo, nonostante lui le dedichi tanto tempo perché prima la porta al bar, la coccola un po' e poi con tutta la calma del mondo la porta a scuola. Ovviamente non è sempre così è solo perché Sofia la sta vivendo molto male e, nonostante tutto, continua a viverla male.
E così oggi, facendo uno strappo alla regola, l'abbiamo portata dall'altra nonna e Ilaria, come sempre, dai miei.
Anche solo portare Ilaria dai miei per poi andare al lavoro, stravolge un po' il mio ritmo, faccio un giro dell'oca e mi prendono sempre le palpitazioni in mezzo al traffico perché ho l'ansia di non arrivare in tempo e  non posso permettermi di entrare tardi perché poi mi si scombussolano tutti i piani per l'uscita che, anche in questo caso, ha i minuti contati fra andar a prendere Ilaria e fuggire a casa per incontrare Sofia tornata a casa con Marco e liberare lui per farlo andare al lavoro.
E' un insieme di cose che solo a pensarle fa venire il mal di testa.
Nel mentre ho iniziato i "colloqui" con le baby sitter papabili.
Mercoledì ne ho sentita una, la osservavo da un annetto, veniva a prendere un bimbo al nido dove andavamo noi ma gli impegni non combaciavano.
Io ho bisogno dalle 15.50 alle 19 mediamente (anche se poi in realtà per le 18 dovrei essere a casa, ma ho messo in conto una spesa ogni tanto) dal lunedì al venerdì dietro compenso mensile fisso.
I suoi vincoli sono stati quelli di non poter venire lunedì e giovedì e per me, su cinque giorni, due di buco sono troppi perché già uno potrei coprirlo una volta con mia mamma, una volta con mia suocera, una volta con mia zia, ma due tutto l'anno proprio no.
Ne ho in canna altre due e spero di venirci incontro con la prossima perché mi piace proprio tanto.

Sempre a proposito di colloqui, mercoledì ho il mio primo colloquio con le maestre!

6 pensierini:

Nia ha detto...

Buona fortuna per la baby sitter!! Posso solo immaginare cosa vuol dire scegliere un'estraneo e fidarsi di lasciargli i propri figli, ma vedrai che va bene. La varicella io l'ho presa da grande, ma non me la ricordo così terribile, i miei invece sono vaccinati e al massimo dovrebbero prenderla in forma leggera.
In bocca al lupo per il colloquio!

manu ha detto...

In bocca al lupo per i colloqui e per le baby sitter! E per questa varicella in questi giorni puoi tenerla scalza? Con la baby sitter se trovi quella giusta per te sarà tutto più 'rilassante ' Buon we!

Sara Scavolini ha detto...

Nia: ho fatto tutti i vaccini possibili obbligatori e facoltativi e nessuno mi ha parlato di varicella. Ora che Ilaria è sotto, la pediatra mi aveva consigliato di vaccinare Sofia. Diciamo che se la signora che vedo sabato accetta le mie condizioni, mi posso ritenere tranquilla e soddisfatta (la conosco e le bimbe pure), altrimenti dovrò provare a fare un minimo di inserimento con lei e le bimbe.
Manu: a casa quando ci siamo accorti che non si erano ancora asciugati abbiamo iniziato a tenerla scalza, ma mi fa brutto da bestia. La notte (tipo questa) non le abbiamo messo i calzini, ma dormendo scoperta ho avuto i pensieri tutto il tempo.

IlMondoRotola ha detto...

Noi la varicella in forma davvero leggera due anni fa', il vaccino avevo scelto di non farlo io ma quel periodo l' hanno fatta in parecchi anche vaccinati.. Una decina di giorni pieni senza scuola ci è toccata!
In bocca al lupo per la baby sitter!

GiorgiaLand ha detto...

Io penso che meno si dice grazie meglio è perchè poi te li guardano due volte e quando sono adolescenti te li hanno cresciuti...e parlo con cognizione di causa eh! Trovane una che sia presente e ti dia serenità, saranno i soldi meglio spesi della vita quelli del non essere debitrice di nessuno!

Sara Scavolini ha detto...

Giorgia: il problema è che di due incontri, ce ne fosse stato uno ad hoc. La prima è arrivata con più di 15 minuti di ritardo. La seconda dopo esserci dati un appuntamento sommario alle 10.30 dove mi avrebbe dovuto chiamare per dirmi se riuscivamo a vederci, mi fa sapere alle 11.45 che non poteva e che mi avrebbe richiamato nel pomeriggio per accordare un nuovo giorno. Ad oggi non l'ho ancora sentita. Con la terza ho appuntamento venerdì, vediamo un po'.

Posta un commento