lunedì 17 luglio 2017

Andar per piscine

Il centro estivo prosegue, diciamo un po' a singhiozzo, perché anche questa mattina hanno provato a dire che non volevano andare, adducendo il fatto che papà gli aveva promesso due giorni a casa, mentre loro erano state a casa un giorno solo.
Gli abbiamo detto che anche sabato potrebbero stare a casa ma poi, ogni volta che chiedo loro se vogliono andare al mare con le maestre, saltano su e non si fanno pregare.
Quindi non capisco..
Ammetto che mi sento terribilmente in colpa quando arrivo lì davanti e le pupe non mi lasciano andare, poi però arrivano gli amichetti e le maestre e fuggono via dicendomi "te vai via mamma".
Vado, rimango un po' interdetta, dopotutto non mi capita mai di avere il sabato mattina libero.
Sono a quota due sabati, sembra tantissimo tempo ma alla fine nel primo ho potuto fare la ceretta, fare un giro rapido al mercato e poi un aperitivo per festeggiare il nostro anniversario.
L'ultimo sabato invece è stato dedicato alla preparazione di borse borsine per la domenica in agriturismo con piscina, per i vari pensierini per i compleanni futuri e la spesa. Ho appoggiato il culo sul divano per 15 minuti netti.
C'è chi mi critica, chi dice che porine anche di sabato all'asilo, ma come fai, non ti senti male? Si, mi sento un po' egoista e mi viene qualche rimorso, ma in fondo alla fine scelgono sempre loro di andare e soprattutto non vanno ai lavori forzati, vanno al mare!
E per me, quel sabato mattina, "vale" tanto, dopo una settimana passata al lavoro e, senza staccare, con le pupe e col da fare in casa, praticamente non stacco mai, poi arriva il week end e comunque siamo tutti in tiro per goderci il più possibile le bimbe e farle divertire recuperando il tempo perduto.
In un mondo ideale, sarebbe bello lavorare solo al mattino, avere comunque quattro ore fino all'arrivo delle pupe dell'asilo, niente baby sitter, niente obbligo per i nonni, pochi rimorsi e via andare.
Ma il mondo ideale è andato altrove.

Cambiando discorso, anche questo week è stato intenso, a parte il venerdì che le bimbe alle 20.45 già dormivano beatamente e io con loro, mentre Marco è uscito.
Sabato pomeriggio, dopo la nanna, abbiamo fatto un giretto con la bici e siamo state in sala giochi, poi papà ansia gli ha preso che dovevamo andare a cena un po' prima per agevolare i bimbi.
Chiaramente eravamo i primi, e lo siamo stati anche per molto.
La serata è finita a mezzanotte, ma le bimbe sono state buonissime, quasi mi hanno stupito.
Domenica, invece, era la mia giornata, Cesena con Rossella, Luca e Diego.
Io mi sono divertita tantissimo, le bimbe in piscina pure e abbiamo fatto anche le sciocchine ed hanno perfino imparato a nuotare sotto l'acqua.

Ho avuto la fortuna di averle tutte per me il week scorso in acqua e di fare giochi e scherzi con tuffi sotto l'acqua, si sono fidate, hanno preso a divertirsi e adesso è tutto una "testa sott'acqua" anche quando fanno la doccia: hanno la loro bacinella e giocano alle immersioni per trovare i tesori sul fondale (spugne e tappi di bagnoschiuma).
Qua le pupe in compagnia del loro amichetto mentre tramano qualcosa.



3 pensierini:

Nia ha detto...

Saraaaa!!! Ma ci fosse qui l'asilo il sabato!!!!!!!!
Nia

Sara Scavolini ha detto...

No, Nia, ma qua c'è solo come centro estivo. Quando riparte l'asilo, finisce la "pacchia".

manu ha detto...

Sara ma ci stanno benissimo!!!
Ehhh quel mondo ideale lì...che pacchia sarebbe!
Ma va bene anche così!
Meglio essere piu' sereni e divertirsi con loro quando stiamo con loro!

Posta un commento