lunedì 19 dicembre 2016

L'emozione del Natale

Non che io apprezzi particolarmente il Natale, anzi, fino a qualche anno fa, prima si toglieva dalle scatole e meglio era.
Da quando ho le bimbe mi è tornata un po' la fregola.
Più che altro perché vedo l'emozione delle bimbe, il loro sguardo interrogativo quando gli parlo di babbo Natale, un po' di delusione quando racconto loro che ha lasciato i pacchetti sotto l'albero e non si è potuto fermare.
Poi ogni anno è una scoperta nuova, quest'anno per esempio, ci hanno aiutato a mettere le palline sull'albero ed erano troppo fiere, inoltre da sabato mattina sono comparsi dei pacchi sotto l'albero.
Ho detto loro che non conosco il contenuto, che li ha lasciati babbo natale perché aveva troppi pacchi ma che non ci ha raccontato nulla e che, il giorno di Natale, se li riprenderà per poi consegnarli.
Ho anche aggiunto che probabilmente ci ha lasciato anche quelli di Samu e Nico e dei nonni.
La realtà è ancor più triste, sotto l'albero non c'è nemmeno un regalo loro, sono tutti da distribuire, anche perché i loro, gran parte, sono dai nonni, noi non abbiamo ancora pensato a nulla.
Ho appena comprato quattro libri, ma non sappiamo se glieli consegneremo noi la mattina di Natale o se glieli faremo consegnare da babbo natale che gira sul trenino di Gabicce.
Poi, come ormai ogni anno, ci sarà il pranzo di Natale in famiglia e, molto probabilmente, anche Santo Stefano, tanto avanzerà tanta di quella roba da far paura.

Da oggi ultima settimana di inserimento della baby sitter, sono un po' in apprensione perché è davvero una cara ragazza, ma prevedo già che le mie pupe la metteranno in riga e se non alzerà una po' la cresta, vigerà per sempre l'anarchia

5 pensierini:

Nia ha detto...

A me Natale fa venire l'orticaria, stringo i denti solo per i bimbi, per farlo "bello" per loro.
E poi la minaccia di Babbo Natale che non porta i regali voglio sfruttarla ancora qualche anno ;)

GiorgiaLand ha detto...

Noi abbiamo un Babbo Natale a rate...un po' di regali li porta alla vigilia dai nonni, un po' la mattina di Natale dagli altri nonni...ma quello che preferiscono è quello di S. Stefano (il giorno dedicato anoi).
La sera di Natale mettiamo latte e biscotti sotto l'albero vuoto e al amttino trovano i pacchetti e urlano come matti lanciandosi al grido di "spacchettiamo!!""
Loro amano il Natale e a me piace tanto!Toglierei solo un po' di cose da fare per forza ma per il resto è una festa che adoro!

SimonaEmme ha detto...

Io adoro il Natale, ci pensano gli altri a rivinarmelo 😉. In ogni caso Augurissimi a te e alle bimbe!

manu ha detto...

come te il Natale mamma mia...Adesso che c'è Matteo un po' meglio ma tra nonni vari e feste forzate preferisco i giorni lavorativi!!
Comincero' a fare come Giorgia Santo Stefano solo per noi...Se il Tato non fa rimanere sua mamma da noi!
buon Natale a te e la family!

Sara Scavolini ha detto...

Ciao ragazze, insomma siamo sulla stessa barca. Io e moroso per sopravvivere cerchiamo di andare da qualche parte perché, se rimaniamo a casa, lui deve per forza lavorare tutti i giorni tranne i rossi e io a casa con le pupe tutto il giorno rischio di impazzire...

Posta un commento